Dai un voto

Aruba PEC Mobile

1 voto - 5.0 /5
1 opinione
Editor:
Versione:
3.10.5-aruba
Aruba PEC Mobile
Android - Italiano
10/10

Una delle app migliori per gestire le proprie comunicazioni via PEC. Consigliata.

Antonello Ciccarello
Posti
2617
Data di registrazione
lunedì 27 aprile 2015
Stato
Amministratore
Ultimo intervento
martedì 6 settembre 2022

Aruba PEC Mobile è l’app che consente agli utenti Aruba di gestire le PEC direttamente dal proprio smartphone o tablet. Si tratta di un’app semplice e sicura, che dà la possibilità anche di inviare e ricevere e-mail con valore legale (con valore di raccomandata) e le fatture inviate dai clienti.

Caratteristiche principali

  • Gestione semplice: con Aruba PEC Mobile puoi gestire facilmente tutte le comunicazioni, certificate e non. Puoi creare cartelle, cercare le tue email, modificare la ricezione della posta in entrata, disattivare le notifiche, ecc.
  • Etichette: puoi inserire un’etichetta per segnare il tipo di e-mail ricevuta (certificata, fattura, ecc.)
  • Fatture: quest’app ti consente inoltre di leggere le fatture elettroniche dei tuoi clienti.
  • Contatti: Aruba PEC ti permette di importare i contatti della tua rubrica, i quali verranno aggiornati in automatico.
  • Multi-account: se disponi di più account Aruba PEC Mobile, puoi gestirli direttamente dall’app in modo semplice e veloce.

Aruba PEC Mobile è gratis?

Sì, puoi scaricare l’app gratuitamente, ma questa è legata al servizio di Aruba, che non è una PEC gratuita. Questa prevede infatti un costo di 5 € (IVA esclusa) all’anno per le nuove attivazioni e poi 7,90 € (IVA esclusa) per il rinnovo.

Aruba PEC è sicura?


Sì, come molti altri servizi PEC, il servizio rispetta i protocolli di sicurezza per gli utenti e ogni messaggio in entrata e in uscita è sottoposto a controlli antivirus e antispam.

Requisiti di sistema

  • Android 6 Marshmallow o successivi.
  • iOS 11.4 o successivi (per la versione iPhone).

Altre versioni

Aruba PEC Mobile è disponibile anche in versione iOS.

Foto: © Aruba.

Potrebbe anche interessarti
Aggiungi commento
Commenta la risposta di Antonello Ciccarello