0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

WhatsApp: nuova privacy sui dati cosa cambia per gli utenti

WhatsApp ha rilasciato la sua nuova informativa sulla privacy agli utenti, affermando che ora condividerà dati e conversazioni con le aziende partner di Facebook. Le modifiche, che entreranno in vigore a febbraio, sono obbligatorie per chiunque desideri continuare a utilizzare l'applicazione di messaggistica.



La nuova politica sulla privacy di WhatsApp ha colto di sorpresa molti utenti. Questo perché, d'ora in poi, lo strumento di messaggistica istantanea condividerà i dati con le aziende partner di Facebook. Tra le informazioni concesse ci sono l'indirizzo IP dell'utente, i dati personali come il numero di telefono e l'attività svolta.

Le modifiche, che entreranno in vigore dall'8 febbraio, sono obbligatorie per gli utenti che desiderano continuare a utilizzare WhatsApp. Chi non li accetta avrà la possibilità di cancellare l’applicazione.

SCOPRI DI PIÙ

App Alternative per sfuggire da WhatsApp

Come cambia la nuova privacy sui dati di WhatsApp

È importante ricordare che i dati utenti sono stati condivisi tra WhatsApp e Facebook già da luglio 2020. Ma, fino ad allora, era possibile scegliere tra la distribuzione o meno delle informazioni, ma ciò non è più consentito.

Il testo della nuova politica sulla privacy di WhatsApp menziona anche il modo in cui le aziende utilizzeranno questi dati utente. Tra le azioni principali ci sono:

  • Miglioramento del sistema di consegna e sicurezza;
  • Suggerimento di amici, gruppi e nuove connessioni;
  • Personalizzazione dei contenuti;
  • Visualizzazione di annunci più pertinenti;
  • Assistenza nel completamento di acquisti e transazioni.

Un'altra novità implementata e che va accolta nella nuova policy è l'integrazione tra Facebook e i servizi WhatsApp per utilizzare Facebook Pay nel pagamento degli acquisti effettuati tramite WhatsApp.

In merito all'aggiornamento privacy di WhatsApp 2021 il Garante della privacy ha espresso la sua intenzione di intervenire urgentemente per fare chiarezza. Da una nota ufficiale si legge che:«Il Garante ritiene che dai termini di servizio e dalla nuova informativa non sia possibile, per gli utenti, evincere quali siano le modifiche introdotte, né comprendere chiaramente quali trattamenti di dati saranno in concreto effettuati dal servizio di messaggistica dopo l’8 febbraio. Tale informativa non appare pertanto idonea a consentire agli utenti di Whatsapp la manifestazione di una volontà libera e consapevole».

L'ente ha anche sottoposto la questione anche all'Edpb (la European Data Protection Board che riunisce tutte le autorità che si occupano di privacy nei vari paesi dell'Unione).

WhatsApp è stato acquistato da Facebook sei anni fa. In quell’occasione, la società rilasciò una dichiarazione in cui si affermava che la privacy degli utenti sarebbe stata mantenuta. Ma questo non sarà più vero a partire dal 2021.

Foto: © Austin Distel - Unsplash

0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Fai una domanda
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.
Il documento intitolato « WhatsApp: nuova privacy sui dati cosa cambia » dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.