0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Le migliori app per scambiare denaro online


Restituire un prestito ad un amico, inviare una piccola somma di denaro ad un familiare o dividere le spese di un'uscita tra amici sono azioni che si possono svolgere anche tramite smartphone. Molte sono le alternative che permettono di trasferire denaro online. Alcune sono app sviluppate da enti bancari proprio per rispondere alle nuove esigenze di consumo dell’utenza derivata dall'uso degli smartphone; altri, invece, stati creati da società tecnologiche indipendenti che hanno approfittato dell'apertura del settore alle società non bancarie. In questa guida vediamo come funzionano questi servizi e come scambiare denaro online tramite app.


PayPal

PayPal è un servizio di pagamento online utilizzato dai professionisti che pero permette anche di liquidare piccole somme di denaro tra amici. Sia l’utente che paga come quello che riceve il denaro devono essere in possesso di un account PayPal. Facendo un pagamento attraverso questa app, basterà selezionare l’opzione "Invia gratis a familiari e amici" per poter avere il servizio gratuito. Ma attenzione a non usare questa opzione per fare acquisti online, pena la non possibilità di poter beneficiare di un’assicurazione in caso di truffa.

PayPal è disponibile sia per desktop che per smartphone con sistema operativo iOS e Android.


Azimo

Azimo è un servizio di pagamento online ottimale per chi ha necessità di spedire denaro all’estero. Collaborando con diversi partner sparsi nel mondo, Azimo permette di trasferire istantaneamente liquidità in valute diverse in più di 60 paesi. Basterà creare un account, inserire i dati del beneficiario, conto, centro di ritiro denaro in sede, telefoni cellulari, poi decidere la cifra da inviare e attendere la mail di conferma. Sicuro e veloce, Azimo è un’alternativa valida disponibile via anche come app per Android e iOS.


Facebook Messenger

Il social ha lanciato il pagamento online da novembre 2017. L’opzione è attivabile dalle opzioni di configurazione dell’applicazione Messenger. Per attivarla, fare clic sull’icona del profilo, aprire Impostazioni cliccando il triangolo rovesciato sito in alto a destra della propria pagina di profilo e selezionare l’opzione Pagamenti. Da qui basterà impostare l’account selezionando il metodo di pagamento preferito. La cifra desiderata viene direttamente trasferita ad un amico in una conversazione, precisandone la causale di tale trasferimento. Pur essendo un servizio sicuro, bisognerà comunque fare attenzione agli importi da trasferire in quanto su Facebook i tentativi di frode sono numerosi, in particolare per ciò che riguarda il furto d’identità.


Apple Pay

Pagare con il proprio iPhone presso i commercianti è possibile a condizione di avere un telefono compatibile e una carta bancaria collegata al proprio Wallet. Ma Apple Pay consente anche di inviare del denaro ai propri familiari passando dall’applicazione Messaggi. Il funzionamento è tuttavia molto simile a quello proposto da Facebook Messenger: un amico richiede un pagamento che può essere effettuato via messaggi selezionando il tasto Apple Pay e la somma desiderata. Il servizio è proposto, per il momento, solo negli USA, ma sarà presto disponibile anche in Italia e nel resto d’Europa.


Foto: © Paypal.
0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

Fai una domanda
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Potrebbe anche interessarti

L'articolo originale è stato scritto da . Tradotto da Claudia Scarciolla. Ultimo aggiornamento da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «Le migliori app per scambiare denaro online» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.

0 Commento