Dai un voto

CieID per Android

1 voto - 4.0 /5
Dai la tua opinione
Editor:
CieID per Android
Android - Italiano
8/10

App essenziale per chi utilizza la propria Carta d'identità elettronica.

Posti
2144
Data di registrazione
lunedì 27 aprile 2015
Stato
Amministratore
Ultimo intervento
martedì 30 novembre 2021

CieID per Android è l’applicazione che consente ai possessori di Carta d’identità elettronica (CIE 3.0) di accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione italiana, ma anche ai servizi erogati dagli altri stati Ue. Sviluppata dal Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano, CieID è un’utile soluzione alternativa per chi non utilizza ancora lo SPID.

Caratteristiche principali

  • Carta d’Identità: puoi registrare il tuo documento sull’app per accedere facilmente al tuo profilo e autenticarti ai servizi online della P.A. in qualsiasi momento.
  • SPID: se non dovessi già possederlo, tramite CIE potrai anche creare il tuo account SPID e accedere ai diversi servizi online che lo richiedono.
  • Tutorial: l’app contiene un pratico tutorial per attivare l’app e per utilizzare la tua CIE sui portali web.

Come funziona CieID

Una volta ricevuta la tua Carta d’identità elettronica dovrai aprire l’app e registrare la carta tramite il codice PIN a 8 cifre che hai ricevuto (la prima parte dal Comune al momento della richiesta e la seconda direttamente con la carta). Registrata la carta, potrai usarla sulle piattaforme della P.A., cliccando su Entra con CIE.

CieID è sicura?

Sì, ad oggi non è stata rilevato alcun problema relativo alla sicurezza o alla presenza di malware.

CieID è gratis?

Certo, puoi scaricare l’app senza alcun costo aggiuntivo. Naturalmente, per poterla utilizzare dovrai avere già ricevuto la tua Carta d’identità elettronica.

Requisiti di sistema

  • Sistema operativo: Android 6.0 e successivi.
  • Dimensioni: varia in base al dispositivo.

Altri sistemi

CieID è anche disponibile per dispositivi iOS.

Foto: © Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato SPA.

Potrebbe anche interessarti
Aggiungi commento Commento
Visualizza commento
Commenta la risposta di Antonello Ciccarello