Cifrario a trasposizione

Fai una domanda
I metodi di cifratura a trasposizione consistono nel risistemare i dati da codificare in maniera da renderli incomprensibili. Si tratta ad esempio di riordinare geometricamente i dati per renderli visualmente inutilizzabili.

La tecnica assira

La tecnica di cifratura assira è verosimilmente la prima prova di utilizzo di mezzi di codificazione in Grecia dal 600 a.C., per dissimulare dei messaggi scritti su papiro:


cifrario a scitala

La tecnica consisteva nell'arrotolare un papiro su un cilindro detto scitala. Scrivere il testo longitudinalmente sulla banda, quindi arrotolarlo (il messaggio nell'esempio qui sotto è «comment ça marche»). Il messaggio, una volta srotolato, non è più comprensibile («cecaeonar mt c m mh»). Al destinatario basta avere un cilindro dello stesso diametro per poter decifrare il messaggio.

In realtà un hacker (esistevano già all'epoca!) può decifrare il messaggio provando dei cilindri di diametro successivo e differente, il che equivale a dire che il metodo può essere crackato statisticamente (basta prendere i caratteri uno a uno, mettendoli ad una distanza data).

Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

Potrebbe anche interessarti

Ultimo aggiornamento 5 dicembre 2017 alle 14:10 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «Cifrario a trasposizione» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.