Load Balancing (bilanciamento del carico)


Una delle difficoltà principali riscontrate dagli amministratori di rete è la capacità di aumentare il carico, cioè la facoltà di rispondere alle richieste con un tempo di risposta accettabile, anche in caso di affluenza massiccia. Il load balancing (in italiano Bilanciamento del carico) consiste nel distribuire un compito ad un pool di terminali o di periferiche per rendere più fluido il traffico di rete, cioè ripartire il carico globale verso le diverse apparecchiature.

Inoltre, bisogna assicurarsi della disponibilità delle apparecchiature, inviando dei dati solo alle apparecchiature in grado di rispondere, altrimenti solo a quelle capaci di offrire i migliori tempi di risposta. Questo tipo di meccanismo si basa su un elemento, detto ripartitore del carico (in inglese load balancer) incaricato di distribuire il lavoro tra i diversi terminali. Esistono molteplici modi di effettuare il load balancing grazie ad un commutatore di livello 4 e anche grazie ad un server che utilizza un algoritmo di tipo Round-Robin.

Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

Ultimo aggiornamento 14 dicembre 2017 alle 15:29 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «Load Balancing (bilanciamento del carico)» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.