Truffe online (scam): tipi, come difendersi, come denunciare

Negli ultimi anni le truffe online (conosciute anche come scam) si sono moltiplicate a dismisura. Per rubare dati personali e denaro i cybercriminali sfruttano le risorse del web, la loro ingegnosità, ma anche la mancanza di prudenza da parte degli utenti. In questo articolo spieghiamo come difendersi dalle truffe online e, naturalmente, segnalarle alle autorità competenti.

Truffe online più diffuse

Qui di seguito troverai alcune delle truffe online più diffuse, in modo da riuscirle a riconoscere facilmente ed evitarle. Spesso si tratta di tentativi di Phishing, truffa molto diffusa sul web. La tecnica del phishing può essere associata un po’ alla pesca a strascico, poiché i criminali “gettano la rete” e poi non dovranno far altro che attendere che qualcuno cada dentro. In primis vengono inviate delle e-mail a svariati utenti, come se si trattasse di siti e piattaforme famose (ad esempio siti di annunci, banche, poste, social network ecc.).

Nei casi di phishing solitamente viene indicato un problema verosimile (spesso urgente), come la mancata consegna di un pacco, la scadenza di un account, il cambio di una password e così via. Verrai invitato a cliccare su un link che ti reindirizza verso un sito web fake spesso identico all’originale. In seguito dovrai inserire i tuoi dati e confermare l’azione (ad esempio per sbloccare l’account bancario o simili). Facendo ciò scatta la vera e propria truffa! Gli hacker da quel momento in poi saranno in possesso dei tuoi dati personali. Nel migliore dei casi dovrai soltanto sbloccare il tuo account social, magari poco usato, ma nel peggiore potresti anche trovarti con l’intero conto in banca svuotato.

Donazioni, vendite, acquisto di oggetti, animali, affitti

In quest’altra tipologia di truffa online, il criminale si finge un acquirente internazionale che ha bisogno dei tuoi documenti ufficiali (carta d’identità, patente, passaporto, ecc.) per concludere un affare. Questi però serviranno soltanto ad usurpare la tua identità. Per fare ciò può anche farsi aiutare da complici che si spacciano per corrieri e simili, che dovrai anche pagare in un primo momento, con la promessa che ti verrà rimborsato tutto con il pagamento. In seguito ti verrà inviata una la conferma di un falso bonifico, con un importo di molto superiore a quello concordato, ad esempio per via dei costi di dogana. Il truffatore ti chiederà quindi anche un rapido rimborso delle “spese eccedenti” (naturalmente mai esistite).

Lotteria, concorsi, prestiti e borse di studio

Ricevi una e-mail in cui scopri di aver vinto il primo premio di una <bod>lotteria</bold> a cui non hai mai partecipato. Per poter riscuotere il tuo premio dovrai però pagare i costi di spedizione. Lo stesso vale per finte borse di studio o finti prestiti. Ti verrà chiesto di anticipare gli interessi per procedere con l’erogazione del denaro. Purtroppo si tratta di somme che non recupererai più.

Falsi servizi e supporto tecnico

Verrai contattato per la risoluzione di un problema da parte di un falso organismo ufficiale (la tua banca, l’Agenzia delle entrate, ecc.). Questi ti chiederanno l’invio dei tuoi dati per recuperare l’account o per risolvere il problema segnalato. Fatto ciò scatterà la truffa e si approprieranno della tua identità.

Siti di incontri truffa

Quelle relative ai siti di incontri sono tra le truffe online più diffuse e remunerative. Vieni contattato da una persona che chiede di conoscerti su un sito di incontri. Nel giro di poco tempo riesce a farti innamorare di lei, raccontandoti anche false storie strappalacrime relative a malattie, parenti defunti, problemi con la polizia, necessità di biglietti aerei, ecc. Questo tipo di truffa online è molto comune. Se sei curioso e vuoi saperne di più puoi guardare Il truffatore di Tinder su Netflix.

Criptovalute

Le criptovalute stanno diventando uno dei metodi di investimento più popolari degli ultimi anni, anche se presentano numerosi rischi e pericoli di frode se non sai come gestirle. Questo fatto è stato sfruttato dai cybercriminali per sviluppare tutta una serie di truffe ad hoc. In questo articolo spieghiamo alcune delle truffe di criptovaluta più comuni e come evitarle.

Come difendersi dalle truffe online?

In basso troverai una serie di consigli che ti permetteranno di difenderti dalle truffe online ed evitarle in pochi passi.

  • Evita offerte allettanti: nessuno regala nulla, soprattutto su internet.
  • Non pagare tramite Western Union, Moneygram, Swift: si tratta di sistemi difficili da tracciare e non sicuri al 100% per ricevere denaro.
  • Ignora gli sconosciuti da altri paesi che affermano di conoscerti: come ad esempio Africa, Est Europa o Stati Uniti.
  • Non fare acquisti da siti sconosciuti: guarda sempre tutti gli URL per evitare siti fraudolenti.
  • Cerca il numero su Google: quando ti contatta qualcuno. Oggi è facile trovare online un database con i numeri di telefono pericolosi.
  • Ignora le e-mail con errori: spesso si trovano errori di ortografia o grammatica, con accenti messi al posto sbagliato e così via.
  • Guarda l’indirizzo e-mail del mittente: poste, polizia, banche, dogana, notai, ecc. che utilizzano indirizzi di messaggistica gratuiti (ad esempio: @hotmail, @yahoo, ecc.) o indirizzi di messaggistica che sembrano indirizzi professionali, ma hanno qualche dettaglio sospetto potrebbero rivelarsi una truffa.
  • Non accettare le transazioni di denaro: i truffatori fanno leva sui tuoi sentimenti raccontandoti situazioni drammatiche.
  • Non dare mai i tuoi dati personali o copie dei documenti: contatta prima l’ente ufficiale (banca, posta, ecc.) per sapere se si tratta di una richiesta reale o di una truffa.

Come denunciare una truffa o un sospetto di truffa online?

Denuncia

Se sei stato truffato online, la prima cosa da fare è denunciare. Anche se non è facile recuperare il denaro perso, la denuncia serve a dimostrare la tua buona fede nel caso in cui i cybercriminali utilizzino i tuoi dati per altre truffe.

Come denunciare una truffa online? Puoi fare la tua denuncia alla polizia o meglio alla polizia postale. Dona tutte le informazioni nei minimi dettagli, in modo che gli agenti possano riuscire a risalire ai truffatori. Puoi anche fornire loro alcune prove, tra cui:

  • Screenshot delle pagine web truffa.
  • E-mail e SMS inviati o ricevuti dai truffatori.
  • Riferimenti delle transazioni di denaro eseguite (es. bonifici).
  • Referenze di chi ti ha contattato (corriere, indirizzo postale, pseudonimi utilizzati, numeri di telefono, ecc.).
  • Qualsiasi altra informazione che possa aiutare a identificare il truffatore.

Informa e dai la tua testimonianza

Se lo desideri puoi anche raccontare ciò che ti è accaduto, su social network, forum e blog, per fare in modo che altri utenti non cadano nella tua stessa trappola. Puoi pubblicare ad esempio:

  • Gli indirizzi e-mail ricevuti.
  • Qualsiasi informazione relativa ai truffatori.
  • Se si tratta di annunci, aggiungi il sito web all’interno del quale li hai trovati (se possibile con la referenza dell’annuncio).
  • Screenshot.
  • Ogni informazione che può aiutare gli altri, ma anche te stesso (ad esempio, nel caso in cui trovi altre vittime che sono riuscite a recuperare i loro soldi).

Foto: © Unsplash.

Fai una domanda
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.
Potrebbe anche interessarti
Il documento intitolato « Truffe online (scam): tipi, come difendersi, come denunciare » dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.