Dai un voto
10/10

GeForce NOW consente ai possessori di PC di fascia bassa di riprodurre anche le versioni più recenti e più impegnative.

Posti
2594
Data di registrazione
lunedì 5 gennaio 2015
Stato
Amministratore
Ultimo intervento
martedì 19 ottobre 2021

Potremmo descriverla come un'altra piattaforma giochi in cloud, ma è certo che quello che offre Nvidia con la sua GeForce NOW differisce abbastanza da altri servizi come Google Stadia o Xbox Game Pass. Ciò che è offerto qui è la possibilità di accedere ad un computer virtuale in cui installare i giochi che compri per poi ritrasmetterli al tuo PC via streaming, permettendoti così di goderti titoli graficamente impegnativi anche senza un hardware troppo pesante.

Caratteristiche principali

  • Trasforma qualsiasi computer in un PC da gioco: dimentica di spendere una fortuna per un nuovo laptop o una scheda grafica di nuova generazione, quando giochi con GeForce NOW non hai bisogno del tuo PC per soddisfare i requisiti.
  • Senza download o attese: dal momento che i giochi non vengono effettivamente eseguiti o salvati sul tuo computer, non dovrai nemmeno preoccuparti dello spazio di archiviazione e puoi iniziare a giocarli immediatamente dopo l'acquisto.
  • Piena compatibilità (o quasi): sebbene possa essere facilmente collegato alle tue librerie Steam, Epic Games e Ubisoft Connect, non tutti i giochi che hai acquistato da questi negozi digitali sono compatibili con il servizio, almeno per ora (ecco la lista completa dei giochi compatibili con GeForce NOW.

Requisiti minimi

  • Sistema operativo: Windows 7 o versioni successive a 64 bit.
  • Processore: 2 GHz o superiore.
  • Memoria: 4 GB di RAM
  • Scheda grafica: NVIDIA GeForce serie 600/AMD Radeon HD 3000 serie/Intel HD Graphics 2000 serie
  • Rete: connessione Internet ad alta velocità (minimo 15 Mbps).

Altri sistemi

GeForce NOW per PC è disponibile anche per Android.
Potrebbe anche interessarti
Ortografia alternativa: GeForceNOW-release-.exe, GeForceNOW-release.exe
Aggiungi commento Commento
Visualizza commento
Commenta la risposta di Claudia Scarciolla