Crittografia a chiave privata

Fai una domanda
La cifratura simmetrica (detta anche crittografia a chiave privata) consiste nell'utilizzo della stessa chiave per la codifica e la decodifica. La codifica consiste nell'applicare un'operazione (algoritmo) sui dati da codificare attraverso la chiave privata, per renderli illeggibili. Così, qualsiasi algoritmo (su modello o esclusivo) può rendere il sistema quasi inviolabile (la sicurezza assoluta non esiste):

cifrario simmetrico a chiave privata

Tuttavia, negli anni 40, Claude Shannon dimostrò che per essere totalmente sicuri, i sistemi a chiavi private devono usare delle chiavi di una lunghezza minima uguale a quella del messaggio da decifrare. Inoltre la cifratura simmetrica impone d'avere un canale sicuro per lo scambio della chiave, cosa che attenua seriamente i vantaggi di un tale sistema di codificazione. Il principale inconveniente di un crittosistema a chiavi private viene dallo scambio delle chiavi. In effetti, la cirfratura simmetrica si basa sullo scambio di un segreto (le chiavi). Così, si pone il problema della distribuzione delle chiavi:


Un utente che vuole comunicare con più persone assicurando dei livelli di confidenzialità distinti dovrà usare tante chiavi private quanti sono gli interlocutori. Per un gruppo di N persone che usano un crittosistema a chiavi private, è necessario distribuire un numero di chiavi uguale a N * (N-1)/2.


Così, negli anni 20, Gilbert Vernam e Joseph Mauborgne misero a punto il metodo del One Time Pad (da tradurre metodo della maschera usa e butta, a volte detto «One Time Password» e siglato OTP), basato su una chiave privata, generata aleatoriamente, usata una sola volta, poi distrutta. Nello stesso periodo, il Cremlino e la Casa Bianca erano collegati dal famoso telefono rosso, cioè un telefono le cui comunicazioni erano criptate grazie ad una chiave privata secondo il metodo della maschera usa e butta. La chiave privata era allora scambiata grazie ad una valigia diplomatica (che fungeva da canale sicuro).

Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

Potrebbe anche interessarti

Ultimo aggiornamento 24 novembre 2017 alle 14:14 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «Crittografia a chiave privata» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.