Datawarehouse e datamart

Il luogo di stoccaggio intermedio dei differenti dati in vista della costituzione del sistema d'informazione decisionale detto magazzino di dati (in inglese datawarehouse). Il datawarehouse è così il solo luogo di consolidamento dell'insieme dei dati aziendali.

Il creatore del concetto di DataWareHouse, Bill Inmon, lo definisce come segue: Un datawarehouse è una raccolta di dati tematici, integrati, non volatili e storicizzati per la presa di decisioni.

Le sue caratteristiche principali sono quindi le seguenti:

Il datawarehouse è orientato soggetti, questo significa che i dati raccolti devono essere orientati «lavoro» e quindi divisi per tema. Il datawarehouse è composto da dati integrati, cioè è necessaria una «pulizia» preventiva dei dati per una razionalizzazione e una normalizzazione. I dati del datawarehouse sono non volatili il che significa che un dato introdotto nel deposito lo è effettivamente e non è destinato ad essere cancellato; i dati del datawarehouse devono essere storicizzati, quindi datati.

Datamart

Il termine Datamart (letteralmente magazzino di dati) designa un sotto-insieme del datawarehouse che contiene i dati del datawarehouse per un particolare settore aziendale (dipartimento, direzione, servizio, gamma prodotto, ecc.). Si parla quindi ad esempio di DataMart Marketing, DataMart Commerciale.

Foto: © Pixabay.
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Potrebbe anche interessarti

Il documento intitolato «Datawarehouse e datamart» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.