Backup Google Drive da server Linux

Novembre 2016

Amministrando un server Linux sicuramente si avrà la necessità, per non dire che è un vero e proprio obbligo, di fare un backup automatico del contenuto in esso presente. Lo stesso backup può essere effettuato anche nel servizio cloud di Google Drive, configurando preventivamente il server al servizio. Quest'ultimo offre all'utenza uno spazio minimo di 15 GB cloud, da poter ampliare a pagamento.

Con il supporto dell'utility gdrive, client di Google Drive per la gestione dei file in esso memorizzati, è possibile inoltrare il backup automatico da Linux direttamente dalla riga di comando. Cliccando sul link gdrive si può ottenere l'utility, dove sarà possibile scaricare la versione che più ci interessa, nel nostro caso drive-linux-386 o drive-linux-amd64. Una volta scaricato il programma lanciarlo digitando:

 install drive-linux* /usr/local/bin/drive 


Fatto questo, bisogna autenticarsi su Google attraverso il terminale di commando drive e copiare nel browser il link visualizzato.


Accettare le condizioni d'uso e incollare il codice nel dispositivo. Digitando drive-help sarà possibile scorrere l'elenco completo di tutti i comandi disponibili necessari all'utilizzo di tutte le funzionalità di gdrive.

drive init
, invece, consentirà di avviare lo stesso drive, scegliendo la directory locale e autenticandosi su Google. Mentre
driver push
inserirà un file nel server remoto, come ad esempio
drive push ilmiofile.txt
e
drive pull
permetterenno di estrarre un documento da Google sul proprio PC.


Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato « Backup Google Drive da server Linux » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.