Metodologia agile: cos'è e come funziona

La Metodologia di sviluppo software agile, chiamata più semplicemente Metodologia agile (AG), riducono il ciclo di vita del software (accelerando così lo sviluppo) creando in primis una versione prototipo, poi integrano delle funzionalità su una base iterativa rispondendo ai requisiti del cliente effettuando test durante tutto il ciclo di sviluppo. Continua a leggere per scoprire cos’è la Metodologia agile e come funziona.

Cos’è il Manifesto agile?

La Metodologia agile ha origine dall’instabilità dell’ambiente tecnico e dal fatto che spesso il cliente non è capace di definire ogni requisito dall’inizio del progetto. Il termine agile si riferisce all’abilità di adattarsi ai cambiamenti contestuali e alle modifiche che bisogna effettuare durante il processo di sviluppo. Quindi nel 2001 è stato ideato il Manifesto per lo Sviluppo Agile di Software, il quale prevede alcuni punti fondamentali:

  • Gli individui e le interazioni piuttosto che i processi e degli strumenti.
  • Il software funzionante piuttosto che la documentazione esaustiva.
  • La collaborazione con il cliente piuttosto che la negoziazione dei contratti.
  • Essere aperti al cambiamento, piuttosto che seguire un piano inflessibile.

Grazie all’aiuto della Metodologia agile, il cliente ha il totale controllo del suo progetto e può ottenere una rapida implementazione del software. Ciò permette quindi il coinvolgimento del cliente dall’inizio alla fine del progetto.

Quali sono le principali tipologie della Metodologia agile?

La Metodologia di sviluppo software agile è un framework utilizzato per strutturare, pianificare e controllare il processo di sviluppo di sistemi informatici.

SCRUM

SCRUM è un metodo usato dai team per gestire progetti complessi e puntare alla loro consegna in un breve periodo. Si basa su tre pilastri: “trasparenza”, “ispezione” e “adattamento”. È utilizzato soprattutto nella gestione di progetti di sviluppo per software, ma anche in contesti business.

Kanban

Il principale scopo di Kankan è quello della gestione del completamento delle attività. Consiste in un metodo visivo che permette di conoscere velocemente lo status dei progetti e assegnare efficacemente nuove attività. Per applicarlo è necessario una “task board” (lavagna delle attività) in modo da migliorare il lavoro ed avere un ritmo sostenuto.

XP - Extreme Programming

Il metodo XP (EXtreme Programming) definisce un set di bes practices per lo sviluppo di applicazioni in condizioni ottimali, ponendo il cliente al centro del processo di sviluppo, mantenendo uno stretto rapporto con esso. Il metodo Extreme Programming si basa sui seguenti punti:

  • Sviluppo dei team di lavoro direttamente con il cliente in cicli brevi da una o massimo due settimane.
  • Il rilascio delle versioni del software avviene molto presto e con rapidi intervalli per massimizzare l’impatto del feedback degli utenti.
  • È necessaria una stretta collaborazione tra il team di sviluppo quando si lavora sui codici.
  • Il codice viene testato e ripulito durante l’intero processo di sviluppo.
  • Gli indicatori misurano i progressi del progetto in modo da aggiornare il piano di sviluppo

Crystal

La metodologia Crystal si focalizza in primis sulle persone e sulle loro interazioni mentre lavorano sullo sviluppo di un progetto software. All’inizio del progetto, i processi e gli strumenti non sono fissi, ma sono decisi basandosi sui requisiti aziendali e alle esigenze tecniche.

DSDM

Il DSDM (Dynamic Software Development Method) è stato sviluppato per colmare alcune lacune del metodo RAD, fornendo un framework che tiene conto dell’intero ciclo di sviluppo. Le principali caratteristiche della metodologia DSDM sono:

  • Coinvolgimento del cliente.
  • Sviluppo iterativo e incrementale.
  • Maggiore frequenza di consegna.
  • Test integrati per ogni fase.
  • L’accettazione dei prodotti consegnati dipende direttamente dal rispetto dei requisiti.

UP - Unified Process

Il metodo Unified Process (UP) è un processo di sviluppo iterativo ed incrementale. Il progetto è diviso in fasi molto brevi. Alla fine di ogni fase viene consegnata una nuova versione migliorata.

Questo approccio si basa sullo schema “UML” (Unified Modeling Language), per la descrizione dell’architettura del software (funzionale, applicativa e fisica) e per lo sviluppo dei casi utenti che sottolinea i requisiti e le richieste dei clienti.

RAD - Rapid Application Development

Il Rapid Application Development (o RAD) è stato definito da James Martin all’inizio degli anni Ottanta e consiste in un breve ciclo di sviluppo basato su 3 fasi (requisiti, design e costruzione) con un tempo di consegna ideale tra i 90 e i 120 giorni massimo.

RUP - Rational Unified Process

Il RUP (Rational Unified Process) consiste in un metodo di sviluppo iterativo promosso dalla Rational Software company, acquisita ora da IBM. Il metodo RUP specifica principalmente la composizione del team e le scale temporali, ma anche i diversi modelli di documenti.

Quali sono i vantaggi della Metodologia agile?

  • Dividere il progetto in fasi e lavorare più velocemente.
  • Adattare e modificare il progetto durante la sua realizzazione.
  • Identificare quali attività sono più interessanti per ogni dato momento.
  • Trovare gli errori in modo rapido.
  • Realizzare a progetti più trasparenti
  • Ottenere un feedback degli utenti finali più velocemente.

Foto: © Unsplash.

Fai una domanda
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.
Potrebbe anche interessarti
Il documento intitolato « Metodologia agile: cos'è e come funziona » dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.