Fotografia sportiva: cos'è, materiale, tecniche e consigli

La fotografia sportiva richiede molto rigore, esperienza, capacità di reazione rapida e anticipazione per catturare il movimento, la tecnica sportiva, il momento preciso e la situazione in cui si svolge. Inoltre, i professionisti di questa disciplina utilizzano materiale specifico e tecniche ideali per ottenere lo scatto al momento giusto.

Che materiale si usa per la fotografia sportiva?

I professionisti dediti alla fotografia sportiva utilizzano un materiale specifico: fotocamere con una frequenza dell'otturatore più elevata, lunghezze focali e monopiedi.

  • La fotocamera: per un maggiore comfort è necessario disporre di una fotocamera in grado di acquisire più immagini in un secondo (più di 5 immagini/secondo). In generale, l'azione sportiva di solito avviene rapidamente nella maggior parte dei casi, come ad esempio per lo sport meccanico. In questi casi, il fotografo deve essere in grado di fotografare l'intero movimento di un soggetto (dall'entrata in azione all'uscita). Un'elevata frequenza di scatto consente al fotografo di poter scegliere la parte più interessante del movimento, riducendo così possibili fattori casuali.
  • L'obiettivo:
  • Una lunga lunghezza focale è una buona alternativa. Il suo utilizzo non ha regole, tuttavia, consente al fotografo di allontanarsi da un soggetto. In questo modo il fotografo non causerà alcun disagio agli atleti e potrà mantenere una posizione sicura, soprattutto in caso di sport pericolosi.
  • Il grandangolo può essere molto utile anche in questo tipo di fotografia purché il fotografo presti attenzione a non interferire con le azioni degli atleti. Questo obiettivo consente di posizionare il soggetto nell'ambiente circostante o ambiente.

  • Il monopiede: permette di stabilizzare l'insieme di elementi composto dalla fotocamera e la lunghezza focale poiché insieme questi due elementi sono piuttosto pesanti. Un teleobiettivo da 500 o 600 mm può pesare più di 3 kg. Dover lavorare con un materiale così pesante e dover inquadrare un soggetto a più di 50 m può risultare difficile ed estenuante.

Quali sono le tecniche utilizzate dalla fotografia sportiva?

  • Le impostazioni
  • Priorità all’otturatore: questa modalità consente di scegliere una velocità dell'otturatore mentre la fotocamera regola l'apertura del diaframma. La scelta della velocità permette di controllare l'effetto desiderato, un movimento fisso o, al contrario, una suggestione di movimento, garantendo così uno scatto nitido ad una distanza focale lunga. Ad esempio, con una bassa velocità la minima vibrazione del fotografo potrebbe causare una sfocatura nell'immagine.
  • Autofocus: AI Focus e AI Servo sono adatti per le riprese di manovre sportive.
  • Sensibilità: il fotografo sportivo deve adattarsi a tutti i tipi di condizioni e maneggiare tutte le tecniche necessarie. Oltre ad avere un teleobiettivo imponente, una velocità dell'otturatore elevata o lavorare all'interno o all'esterno, conviene anche scegliere la sensibilità. L'obiettivo è ottimizzare tutte le impostazioni per ottenere l'effetto desiderato e avere un'immagine adeguata (rumore digitale ad alta sensibilità).
  • La messa a fuoco: come per ogni tipo di fotografia, il punto di vista gioca un ruolo importante nel lavoro del fotografo sportivo. L'obiettivo è far risaltare il soggetto e mostrarlo in movimento. La difficoltà principale sta nell'anticipo, dal momento che il fotografo deve anticipare il luogo esatto in cui si svolgerà la scena per testare in anticipo l'inquadratura, l'angolazione e le impostazioni.

  • Isolare il movimento: oltre l’anticipazione, il fotografo deve anche conoscere la sua macchina fotografica e le varie impostazioni possibili. Ad esempio, per catturare un movimento, il fotografo dovrà scegliere una velocità dell'otturatore elevata, adattata alla velocità del soggetto. Ad esempio, nei rally vengono spesso utilizzate velocità che arrivano fino a 1/1000.
  • Effetto movimento: contrariamente all'effetto fermo immagine, l'effetto movimento dà allo spettatore l'impressione di vedere il movimento sportivo. Questa tecnica è molto più comune per scopi artistici e può essere migliorata mediante l'uso di un flash grazie alla sincronizzazione della seconda tendina.

Foto: © Jeremy Bishop, Atharva Tulsi, Appic - Unsplash.

Fai una domanda
I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.
Il documento intitolato « Fotografia sportiva: cos'è, materiale, tecniche e consigli » dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.