WPA - WiFi Protected Access

Fai una domanda
WPA (WiFi protected Access è una soluzione di sicurezza della rete WiFi proposta dalla WiFi Alliance per rimediare alle lacune del WEP. Il WPA è una versione «alleggerita» del protocollo 802.11i, che si basa sui protocolli di autenticazione e su un algoritmo di crittografia robusto: TKIP (Temporary Key Integrity Protocol). Il protocollo TKIP permette la generazione di chiavi e offre la possibilità di modificare la chiave di codifica più volte al secondo, per più sicurezza.

Funzionamento del WPA - WiFi Protected Access

Il funzionamento del WPA si basa sulla realizzazione di un server di autenticazione (la maggior parte delle volta un server RADIUS), che permette di identificare gli utenti sulla rete e di definire i loro permessi di accesso. È comunque possibile per le piccole reti realizzare una versione ridotta del WPA, detta WPA-PSK, creando una stessa chiave di codifica all'insieme delle apparecchiature, il che evita la realizzazione di un server RADIUS. Il WPA (nella sua prima versione) supporta solo le reti in modalità infrastruttura, il che significa che non permette di sicurizzare delle reti senza fili in peer to peer (modalità ad hoc).


Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

Jean-François Pillou - Fondatore di CCM
Meglio conosciuto come Jeff, Jean-François Pillou è il fondatore di CommentCaMarche.net. È anche CEO di CCM Benchmark e digital director presso il Gruppo Figaro.

Scopri di più sul team CCM

Potrebbe anche interessarti

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2017 alle 13:29 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.