Come realizzare una buona animazione video

Settembre 2017

I contenuti video, come le infografiche e le animazioni video sono un vero e proprio valore aggiunto all’impresa. Esse permettono di trasmettere, sul proprio sito e sulle reti sociali, informazioni complesse e noiose, in maniera facile e ludica, grazie al loro essere così virale.

Esistono diversi strumenti gratuiti per modificare infografiche, mentre per realizzare un’animazione video si richiede un vero e proprio savoir-faire, professionale e pedagogico. Questo è il supporto ideale per tutte le imprese che desiderano comunicare informazioni inerenti alle loro attività, tendenze, processi e cifre aziendali, per promuovere il loro brand, un nuovo servizio o prodotto.


Che cos’è un’animazione video

Da non confondere con un piccolo film, che anche se corto, è più costoso da realizzare, un’animazione video o videotelling è un formato video corto composta da una successione di immagini fisse e/o animate. Esse possono essere composte da fotografie, personaggi, cifre, grafiche o schemi. Una voce esplicativa offline è solita accompagnare l’animazione per seguire il filo conduttore, spesso sottotitolato, anche se sono il suono e le parole gli elementi preferiti per captare l’attenzione degli utenti. I disegni animati, i cartoni animati e le animazioni in bianco e nero (whiteboard animation) sono i formati che funzionano meglio, perché si prestano meglio a comunicare l’umore, i suoni divertenti, tendendo a diventare virali e ad essere condivisi più volte.

Vantaggi del supporto video

Come le infografiche e tutti i supporti visivi, anche l’animazione video ha un impatto più forte che del semplice testo. Essa consente di far passare un messaggio compresso, noioso o ansiogeno in modo semplificato e ludico. I disegni comportano una distanza che rende un soggetto interessante. L’animazione può anche servire a fare conoscere un nuovo servizio dell’impresa, un prodotto o ad informare i clienti ad un cambiamento che potrebbe essere mal compreso o interpretato dai clienti e futuri prospect.

Requisiti per realizzare animazioni video

Un software tipo VideoScribe (edito da Sparkol) può permette di ottenere un buon rendimento, anche YouTube può andare, a condizione di essere già un professionista. Tuttavia, un risultato scarso con poche stringhe, possono essere in grado di danneggiare l’immagine dell’azienda, distorcendo il messaggio che si vuole trasmettere. La migliore soluzione è quella di fare appello a società specializzate nell’animazione video. Sicuramente, esse non sono gratuite, ma la qualità del risultato è garantita e risulta essere meno cara di un piccolo film d’impresa o di una pubblicità video, che necessita non solo di più mezzi ma anche di attori.

Animazioni video: per quali attività

L’animazione video si indirizza a tutte le imprese e le associazioni che desiderano presentare o spiegare la loro attività, in qualunque dominio essere siano: ecologico, di gestione del patrimonio, economico, energetico, finanze, disabilità. Tutti i temi possono essere affrontati a condizione di porre le giuste questioni al preambolo. Fare un’animazione video solo per aggiungere un tocco ludico ad un sito risulta essere senza interesse.

Creare un’animazione video di qualità

Definire un tema e i protagonisti

L’impresa deve chiedersi per prima cosa quale o quali messaggi desidera passare, a che scopo: commerciale, informativo, marketing e a chi. La definizione del target è importante perché è esso che consente di definire il o i personaggi raffigurati nell’animazione. Le persone (archetipi con un profilo soci professionale, bisogni, limiti prestabiliti) devono essere rappresentati in modo più fedele possibile al target prescelto.

Definire il contributo dell’impresa

Cosa caratterizza l’impresa? La sua storia? Questa tappa è necessaria checche sia l’obiettivo finale dell’animazione. Più si conosce del bagaglio genetico dell’azienda, più il video apparirà coerente e naturale.

La narrazione

Lo script (ossia lo scenario) e la definizione della story board sono le due tappe cruciali nella costruzione della storia. L’utilizzo di post it è una buona idea per costruire lo storytelling. Ecco alcuni elementi chiavi essenziali, da inserire nella trama della storia: il messaggio, cosa si deve trarre dalla fine dell’animazione? I termini utilizzati, non per forza termini specifici stessi dell’impresa; il testo comprensibile e persuasivo. Infine, la definizione del numero delle scene e quelli che devono contenere.

Soluzioni per realizzare un’animazione video

Non ci si improvvisa realizzatori di animazioni video. Prestatari specializzati nel content corporate, possono essere utili per consigliare l’impatto pedagogico dell’animazione. Questi servizi offerti da terzi possono realizzare animazioni inerenti all’impiego, all’ambiente, all’energia, alla grande distribuzione, alla diversità o alla gestione del patrimonio. Il servizio Videotelling realizza video esplicativi di buona qualità, con whiteboard animati realizzati a mano e che vertono su diversi domini, quali sicurezza, diritto, apprendimento e formazione. Questi sono alcuni tra gli esempi possibili di società di animazioni tra i quali è possibile scegliere a seconda delle proprie esigenze e opportunità.

Foto: © 25081972- 123RF

Potrebbe anche interessarti

L'articolo originale è stato scritto da Delphine Lalande. Tradotto da e-claudia. Ultimo aggiornamento 13 settembre 2017 alle 13:39 da AntonelloCCM.
Il documento intitolato «Come realizzare una buona animazione video» dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.