Compressione RLE

Fai una domanda
La concatenazione di punti è un metodo che permette di immagazzinare i punti in modo ottimale: per un'immagine monocromatica vi sono, per definizione, solo due colori, quindi un punto dell'immagine può essere codificato su un solo bit per guadagnare dello spazio in memoria. Il metodo di compressione RLE (Run Length Encoding, talvolta RLC per Run Length Coding) è usato per numerosi formati di immagini (BMP, PCX, TIFF). È basato sulla ripetizione di elementi consecutivi.

La compressione RLE

Il principio di base consiste nel codificare un primo elemento che da il numero di ripetizioni di un valore poi completarlo con il valore da ripetere. Quindi, secondo questo principio la stringa "AAAAAHHHHHHHHHHHHHH" compressa da "5A14H". Il guadagno di compressione è di (19-5)/19 ossia circa 73,7%. Invece per la stringa "REELLEMENT", nella quale la ripetizione dei caratteri è ridotta, il risultato della compressione da "1R2E2L1E1M1E1N1T"; la compressione si avvera molto costosa, con una perdita che vale (10-16)/10 ossia 60%.


In realtà la compressione RLE è definita da regole particolari che permettono di comprimere quando necessario e di lasciare la stringa originale quando la compressione produce uno spreco. Le regole sono le seguenti: quando tre o più elementi si ripetono consecutivamente allora il metodo di compressione RLE è utilizzato, altrimenti si inserisce un carattere di controllo (00), seguito dal numero di elementi della stringa non compressa poi da quest'ultima.

Se il numero di elementi della stringa è dispari, il carattere di controllo (00) viene aggiunto alla fine: infine sono stati definiti dei caratteri di controllo specifici per codificare: una fine di linea (00 01); la fine dell'immagine (00 00); uno spostamento del puntatore nell'immagine di XX colonne e di YY linee nel senso della lettura (00 02 XX YY).

Così la compressione RLE ha senso solo per i dati con un numero di elementi consecutivi ripetitivi, soprattutto le immagini che hanno delle ampie parti uniformi. Questo metodo ha tuttavia il vantaggio di essere piuttosto semplice da utilizzare. Esistono delle varianti in cui l'immagine è decodificata per tasselli di punti, per linee o anche a zigzag:

compressione RLE



Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

Potrebbe anche interessarti

Ultimo aggiornamento 13 novembre 2017 alle 15:05 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «Compressione RLE» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.