La codifica RGB (RVB)

Fai una domanda
La codifica RGB (Red, Green, Blue per Rosso, Verde, Blu, in italiano RVB), elaborato nel 1931 dalla Commissione Internazionale dell'Illuminazione (CIE) consiste nel rappresentare lo spazio dei colori partendo da tre raggi monocromatici di colori: Rosso (di lunghezza d'onda uguale a 700,0 nm), Verde (di lunghezza d'onda uguale a 546,1 nm) e Blu (di lunghezza d'onda uguale a 435,8 nm).

Questo spazio di colore corrisponde al modo in cui i colori sono solitamente codificati "informaticamente" o, più esattamente, al modo in cui i tubi catodici degli schermi dei computer rappresentano i colori. Così, il modello RGB propone di codificare su un byte ogni componente di colore, il che corrisponde a 256 intensità di rosso (28), 256 intensità di verde e 256 intensità di blu, ossia 16777216 possibilità teoriche di colori diversi, cioè più di quelli distinguibili dall'occhio umano (circa 2 milioni). Tuttavia, questo valore non è che teorico dato che dipende fortemente dall'hardware di visualizzazione.


Dato che la codifica RGB si basa su tre componenti che propongono la stessa gamma di valore, le si rappresenta solitamente a livello grafico con un cubo in cui ciascuno degli assi corrisponde ad un colore primario:


Rappresentazione grafica della codifica RGB

Foto: © Pixabay.
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

Potrebbe anche interessarti

Ultimo aggiornamento 9 novembre 2017 alle 13:19 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «La codifica RGB (RVB)» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.