La codifica RGB (RVB)

Novembre 2016
La codifica RGB ( Red, Green, Blue per Rosso, Verde, Blu, in italiano RVB), elaborato nel 1931 dalla Commissione Internazionale dell'Illuminazione (CIE) consiste nel rappresentare lo spazio dei colori partendo da tre raggi monocromatici di colori: Rosso (di lunghezza d'onda uguale a 700,0 nm), Verde (di lunghezza d'onda uguale a 546,1 nm) e Blu (di lunghezza d'onda uguale a 435,8 nm).

Questo spazio di colore corrisponde al modo in cui i colori sono solitamente codificati "informaticamente" o, più esattamente, al modo in cui i tubi catodici degli schermi dei computer rappresentano i colori. Così, il modello RGB propone di codificare su un byte ogni componente di colore, il che corrisponde a 256 intensità di rosso (28), 256 intensità di verde e 256 intensità di blu, ossia 16777216 possibilità teoriche di colori diversi, cioè più di quelli distinguibili dall'occhio umano (circa 2 milioni). Tuttavia, questo valore non è che teorico dato che dipende fortemente dall'hardware di visualizzazione.

Dato che la codifica RGB si basa su tre componenti che propongono la stessa gamma di valore, le si rappresenta solitamente a livello grafico con un cubo in cui ciascuno degli assi corrisponde ad un colore primario:

Rappresentazione grafica della codifica RGB

Potrebbe anche interessarti :

RGB coding
RGB coding
Código RGB
Código RGB
RGB-Kodierung (RVB)
RGB-Kodierung (RVB)
Le codage RGB (RVB)
Le codage RGB (RVB)
A codificação RGB
A codificação RGB
Il documento intitolato « La codifica RGB (RVB) » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.