WhatsApp fake news codice della strada

Antonello Ciccarello - 19 agosto 2018 - 08:54
WhatsApp fake news codice della strada
Su WhatsApp negli ultimi giorni sta circolando un messaggio sul nuovo codice della strada, ma è una fake news.

(CCM) — Il "mercato delle fake news" su WhatsApp è sempre florido e, purtroppo, ancora in molti tendono a cascarci. In alcuni casi si tratta di vere e proprie truffe, altre volte, invece, di semplici catene di sant’Antonio che, per quanto potenzialmente innocue, possono rivelarsi abbastanza pericolose. L’ultima di queste, in ordine di tempo, riguarda un messaggio sul’entrata in vigore, da martedì 21 agosto, di un fantomatico nuovo codice della strada. Questa bufala è stata subito condivisa da centinaia di utenti in tutta Italia. A segnalare la nuova fake news di WhatsApp è stata la redazione di Bufale-net, sito web che si occupa di smascherare notizie false, che purtroppo hanno sempre molto successo sul web.

La fake news di WhatsApp sul nuovo codice della strada e sul ritiro immediato della patente per chi guida parlando al cellulare riporta il seguente testo:

"Facciamo attenzione.
A partire da Martedì prossimo entrerà in vigore il nuovo codice della strada. Oggi è stato approvato l’articolo più pesante, ed è giusto così:
*chiunque verrà sorpreso alla guida del veicolo, anche se è fermo ai semafori o agli stop, con il cellulare o altri apparecchi*
la sanzione è la seguente: *ritiro immediato della patente* e una *multa da 180 €uro fino a 680 €uro.*Quindi stiamo tutti molto attenti, organizziamoci con i viva voce e *se indossiamo gli auricolari ricordiamoci che un orecchio deve restare libero*
Fai girare a manetta!".

L’idea della bufala di WhatsApp sul codice della strada nasce da un’idea del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, il quale aveva accennato all’idea del ritiro immediato della patente a chi guida parlando al cellulare. Naturalmente si tratta ancora di una proposta e nulla più. Il codice della strada, inoltre, non può essere cambiato dall’oggi al domani, soprattutto in agosto, ma la riforma ha bisogno di un suo un iter parlamentare e burocratico, di cui si potrebbe cominciare a parlare a partire da settembre. Tutto ciò che viene condiviso su WhatsApp, al momento, è soltanto una fake news a cui non bisogna credere. Stay tuned.

Foto: © Twin Design – Shutterstock.com

Potrebbe anche interessarti