Apple compra l’edicola digitale Texture

AntonelloCCM - 13 marzo 2018 - 10:33
Apple compra l’edicola digitale Texture
Apple acquista Texture, l’edicola digitale che comprende circa 200 riviste, chiamata la Netflix dei magazine.

(CCM) — Apple entra a pieno titolo nel settore dell’editoria con l’acquisto dell’edicola digitale Texture, quella che molti hanno rinominato la "Netflix dei magazine". Come svelato dal Financial Times e dal sito web Recorde, l’accordo è stato siglato nelle scorse ore da Cupertino, l’azienda Next Issue Media LLC e un consorzio di editori (News Corp, Meredith, Hearst, Rogers Media, Condé Nast e KKR), anche se le cifre dell’operazione non sono state rese note dalle parti in questione. L’interesse di Apple per Texture non è nuovo. L’azienda di Cupertino ha da sempre guardato con attenzione Texture, in quanto app decisamente innovativa.


Texture è stata creata nel 2010 da Next Issue Media LLC e dal consorzio di editori proprio per evitare che colossi come Google o la stessa Apple monopolizzassero l’editoria. L’appellativo "Netflix dei magazine" viene proprio dal tipo di offerta che l’app propone: con un unico abbonamento mensile (circa 10 dollari al mese), infatti, gli utenti hanno accesso ad un catalogo di più di 200 riviste in formato digitale, proprio come accade con i servizi di streaming video Netflix oppure Hulu. Tra le riviste presenti sul catalogo di Texture non mancano il National Geographic, Time, GQ, Vanity Fair, People e Rolling Stones.



Non è ancora chiaro se Texture, la "Netflix dei magazine", rimarrà un’app a sé stante oppure verrà integrata su Apple News e se e quando questo servizio sarà disponibile in Europa (soprattutto in Italia). Per sapere quali saranno i prossimi passi della società di Cupertino nel campo dell’editoria digitale bisognerà comunque attendere i prossimi mesi. Stay tuned.

Foto: © iStock.