Mac hackerati e bloccati tramite iCloud

AntonelloCCM - 22 settembre 2017 - 09:49

Mac hackerati e bloccati tramite iCloud

Alcuni Mac sono stati hackerati utilizzando iCloud e la funzione Find My Mac, chiedendo un riscatto di 50 dollari.

(CCM) — L’idea che il sistema operativo macOS fosse più sicuro rispetto a Windows potrebbe essere smentito a causa degli attacchi informatici subiti da diversi utenti. Nei giorni scorsi, infatti, alcuni Mac sono stati hackerati dopo essersi impossessati dei dati dell’Apple ID (username e password) per accedere su iCloud, in modo da poter bloccare il sistema tramite la funzione "Find My Mac" (o "Find my Phone" per gli iPhone), utilizzata in caso di furto o smarrimento per poter ritrovare il proprio dispositivo, bloccandolo per proteggere i propri dati all’interno.



Come mostrato dalle foto pubblicate dagli sfortunati utenti Mac su Twitter, dopo aver bloccato il Mac, gli hacker hanno chiesto un riscatto di 0,01 bitcoin, ovvero 50 dollari. Il problema però non sembrerebbe essere di una falla nella sicurezza di Apple, almeno non del tutto. Molte volte, la causa principale che porta i pirati informatici a trovare facilmente i dati degli utenti, è l’utilizzo della stessa password per diversi servizi. In questo modo è abbastanza facile entrare nel sistema degli utenti più sprovveduti. Questo non è infatti un caso del tutto nuovo, ma era già accaduto con l’hackeraggio di LinkedIn, Yahoo, Badoo e Spotify.

Se il proprio Mac è stato vittima di hacker, il primo consiglio è sempre quello di rivolgersi direttamente ad un centro Apple, con la speranza che il problema possa essere risolto in fretta, magari limitando i danni per l’utente. In ogni caso è sempre opportuno cambiare regolarmente la propria password, non solo dell’Apple ID, ma anche degli altri siti o servizi a cui si è registrati. Stay tuned.

Foto: © Ditty_about_summer - Shutterstock.com