Antitrust multa Apple per 900mila euro

Antitrust multa Apple per 900mila euro
Il Consiglio di Stato conferma la maxi multa dell’Antitrust del 2011 ad Apple per pratiche commerciali scorrette.

In principio fu Altroconsumo a denunciare la “scorrettezza e l’aggressività” dei venditori Apple che non informavano correttamente i clienti dei loro diritti in relazione alla garanzia prevista per i loro prodotti. La garanzia valida per Apple è quella della durata di un solo anno, ossia produttore, mentre quella “legale” adottata dal Codice del Consumo è per legge di 2 anni. Per estendere la durata della garanzia di altri 12 mesi, denominata Apple Care viene chiesto ai clienti di pagare un surplus di 69 euro.

Proprio questa mancanza di trasparenza è il motivo chiave che ha portato il Consiglio di Stato a convalidare, il 17 novembre scorso, la sentenza dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) convalidata anche dalTAR del Lazio del 2012, a cui si era appellato proprio la Apple, e respingere l’appello della multinazionale di Cupertino, ritenuta colpevole di confondere il cliente sulle pratiche relative alla garanzia, di contro al principio per la tutela dei consumatori adottato dalle norme italiane e UE.

Nonostante tutto bisogna ricordare che la garanzia gratuita di un anno, che propone Apple, si riferisce alla garanzia commerciale, relativa al buon funzionamento del prodotto e di fatto copre un po’ tutto (ad eccezione di danni causati da un utilizzo non conforme dell’apparecchio), mentre la garanzia legale di due anni, quella per cui Apple è stata multata copre i difetti del prodotto, quando questo si presenta non conforme alle caratteristiche dichiarate dal venditore e quelle che effettivamente il consumatore riscontra nell’apparecchio acquistato. La Apple sarà più trasparente con i propri clienti e si adatterà alle regole UE o Altroconsumo, con questa sentenza, ha vinto una battaglia, ma non la guerra?


Foto: © Creative Commons Flickr: Jeremy Piehler.