Adobe sotto cyber-attacco: rubati i dati di 3 milioni di carte di credito e il codice sorgente

AlessiaStrinati - 4 ottobre 2013 - 19:10
Adobe sotto cyber-attacco: rubati i dati di 3 milioni di carte di credito e il codice sorgente
La società americana Adobe Systems ha rivelato di essere stata vittima di un attacco cibernetico le cui conseguenze potrebbero essere particolarmente gravi.

Gli hacker che hanno colpito la software house, produttrice tra gli altri di Adobe Acrobat, Photoshop, Flash e Première, si sono concentrati su due cose: il codice sorgente di alcuni tra i suoi programmi più diffusi e i dati relativi alle carte di credito di circa 3 milioni di clienti dell'azienda. A preoccupare maggiormente Adobe sembra essere il furto del codice sorgente di alcuni prodotti, primo tra tutti ColdFusion, che permetterebbe agli hacker di colpire tutti gli utenti dei software in questione. Come se non bastasse, durante l'attacco (avvenuto due settimane fa ma rivelato solo ora) gli hacker hanno recuperato le informazioni delle carte di credito di circa tre milioni di persone: nomi e cognomi degli utenti, date di scadenza delle carte bancarie, numeri criptati in particolare. Secondo la società, tuttavia, gli hacker non avrebbero decodificato i numeri delle carte di credito in questione.

Adobe Systems, che non è nuova ai problemi di vulnerabilità dei suoi software, ha risposto allertando gli istituti di credito che si occupano dei pagamenti dell'azienda con l'intento di proteggere i conti correnti dei suoi clienti, e sta cercando di ricostruire le modalità con cui è stato possibile l'accesso illegale al codice sorgente. Gli utenti sono stati invitati a monitorare i loro account, a cambiare le password usate per accedere ai servizi Adobe e, se sono le stesse usate per altri siti, a modificarle ovunque.


<ital>Immagine CreativeCommons <a href="http://www.flickr.com/photos/75468116@N04/8569854011/">marsmet526</a> via <a href="http://compfight.com">Compfight</a> <a href="http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/">cc</a>>