HTC vittima di pubblicità ingannevole

GiovannaLabati - 16 aprile 2013 - 11:52
HTC vittima di pubblicità ingannevole
E' lotta di marketing nel mercato asiatico tra le due grandi della tecnologia, HTC e Samsung.

Un marketing spicciolo, in questo caso, ancora più del guerrilla e del viral. Samsung infatti è al momento accusata di pubblicità ingannevole per screditare HTC. Nello specifico, pare che l'azienda coreana abbia assunto alcuni studenti perché pubblicassero sui social network commenti negativi su HTC One, l'ultimo prodotto presentato dall'azienda ed eletto a top di gamma per tutto il 2013 e che ha oscurato il lancio del nuovo Samsung Galaxy S4. Una mossa abbastanza scorretta che, giustamente, non è passata inosservata ed è finita immediatamente sotto indagine da parte della Fair Trade Commission taiwanese.

Immediata la reazione di Samsung che, oltre ad aver sospeso istantaneamente le attività di comunicazione che utilizzano commenti anonimi, ha dichiarato: "Samsung Electronics resta impegnata nell'adottare forme di comunicazione trasparenti ed oneste con i consumatori, così come evidenziato nel l'Online Communications Credo della compagnia. Abbiamo incoraggiato tutti i dipendenti di Samsung Electronics a rimanere fedeli al nostro Credo. Il recente incidente è stato sfortunato, ed è stato determinato dall'insufficiente comprensione di questi principi fondamentali". Una parziale ammissione di colpa, seguita da un impegno per il futuro: "Continueremo a potenziare l'educazione e il training dei nostri impiegati per prevenire il ripetersi dell'accaduto". Le indagini sono al momento in corso e, in caso di comprovata colpevolezza, Samsung e l'agenzia di marketing che si occupa della comunicazione locale, si troverebbero a pagare una multa di 835.000 dollari.

Immagine sito HTC