I mini video per l'impresa

I mini video sono un potenziale da tenere sempre a portata di mano. Divertenti, leggeri e rapidi costituiscono una fonte di comunicazione che piace, tanto da attirare anche l'interesse dei marketer e da diventare uno strumento potente per il marketing.


I mini video

Il boom dei mini video è avvenuto a partire dal 2012 e, in pochissimo tempo, si è espanso a macchia d'olio. Tra le ragioni del successo di un video troviamo: la facilità d'utilizzo, la realizzazione della ricezione e della condivisione e il potenziale virale e la rapidità (ad esempio 6 sec per un video ideato su Vine e una dozzina per uno creato con Instagram). Il funzionamento di questi mini video è molto semplice, basta infatti scaricare l'applicazione sul proprio telefono e creare un account o associarsi con un account di un altro social (Twitter, per es. Vine).



Grazie alla semplice interfaccia, la creazione di un video è molto semplice poiché basta cliccare sul tasto Registra. Inoltre è possibile l'inserimento di filtri e commenti, come anche la condivisione su social e tra amici. I tanti strumenti che consentono la creazione di mini video permettono anche di facilitare il montaggio degli stessi video.

Come utilizzare i mini video per un brand o un'impresa

I mini video in seno all'impresa possono rispondere a più obiettivi di comunicazione differenti tra cui: il propagare un messaggio semplice e d'impatto che può spaziare su più argomenti (da video di prevenzioni sanitaria ad eventi mediatici) e sviluppare una campagna di pubblicità del proprio brand, fare del teasing o una demo del prodotto (naturalmente breve). Un mini video può semplicemente informare (per es. per i giornalisti) oppure sviluppare la comunicazione interna all'impresa (è il caso degli eventi). Come per tutte le strategie di comunicazione è necessario definire un target, un obiettivo, un tono e stile. Inseriti in un contesto professionale, dunque d'impresa, i mini video costituiscono un progetto giudizioso che deve consentire di ben programmare quanti video si devono sviluppare, cosa devono raccontare e come, ecc.


Per quanto riguarda la condivisione degli stessi video, si può scegliere tra restare nell'universo dell'app, all'interno della propria rete o uscirvi e condividerli all'esterno. Il vantaggio della prima soluzione è quello di una maggiore visibilità, che però può far uscire il video dal proprio contesto. Non bisogna dimenticare, infatti, che questo genere di video ha una forte identità e che quindi è bene rispettare il loro territorio naturale: Vine, ad es. sarà meglio utilizzarlo su Twitter, e così via.

Le applicazioni per la creazione di mini video

Vine

Quest'app è la più interessante poiché è la più utilizzata. Vine, infatti, offre la migliore audience sia per la condivisione su Twitter che su Facebook. Predilige un target piuttosto giovane e che sa bene utilizzare la connessione e che sono pronti a sviluppare del materiale home made.

Instagram

Instagram (di Facebook) ha sviluppato una funzione video in concorrenza con Vine (di Twitter). Il vantaggio di questa app è quello di una maggiore lunghezza dei video, circa 15 sec. e dei filtri da apporre sulle foto per migliorare l'aspetto grafico. Interessante anche la possibilità di scegliere un'immagine di copertina, visualizzabile quando il video è in stand-by. Instagram è da preferire sicuramente se il brand o l'impresa è già ben posizionata su Instagram e possiede già un pubblico considerevole.

Cameo

Il più artistico di tutti è Cameo, l'app di mini video di Vimeo. Ottima per gli esperti di video. L'unico inconveniente riguarda la bassa audience, poco indicata per creare il buzz. Resa comunque un'app interessante e da preferire se si desidera dare al proprio video una dimensione piuttosto estetica e artistica delle proprie produzioni.
L'articolo originale è stato scritto da deri58. Tradotto da apfel9. Ultimo aggiornamento 17 giugno 2015 alle 16:16 da AntonelloCCM.
Il documento intitolato « I mini video per l'impresa» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.
Come aumentare seguaci di un brand su Instagram
Gestire vari account sulla rete sociale