0
Grazie

Poche parole di ringraziamento saranno molto apprezzate.

L’etichetta "gaming" su hardware PC


Fai una domanda
Si dice che l'etichetta Gaming (o Gamer) su hardware PC significhi che questo sia ottimizzato per i videogiochi, ma non è vero. Negli ultimi anni le vendite dei PC sono state surclassate da quelle dei dispositivi mobili (tablet o smartphone). Così la comunità dei Gamers, avendo bisogno di componenti performanti per fare funzionare i loro giochi, è diventata una clientela targettizzata sia per i produttori sia per i negozi specializzati, che mirano a fare vendite significative.

Su questa scia le menzioni Gamer o Gaming su hardware PC sono molto redditizie e l’abuso che se ne va è tale e poco controllata. Per ordine d’importanza, citeremo alcune carte grafiche vendute più care rispetto al mercato perché possiedono questo packaging e questa menzione appetibile, anche se sono equivalenti ad altri modelli con lo stesso chip grafico e con caratteristiche simili.

La situazione diventa più grave se i componenti camuffati da questi badge non hanno alcuna influenza sul funzionamento dei giochi video: ad esempio le schede madri o le SSD truccate (imballaggio compreso) che i produttori pagano di più per questa frode. Inammissibile, invece, l’assemblaggio di un PC con configurazione di componenti dalle scarse qualità e performance, all’interno di un involucro Led patcatching, che riporta un nome evocativo per il giocatore naif che si ritrova a credere di aver acquistato del buon materiale adatto ai giochi, ad un prezzo irrisorio.

Molti negozi online propongono questo genere di PC, chiaramente, senza menzionare la referenza esatta di determinati componenti. Ad esempio, essi fanno credere al consumatore che per meno di 400 euro, si potrà comprare una configurazione per il gioco completo, assemblato con le periferiche schermo Full HD+ tastiera/mouse.

Foto: © igorlale - Shutterstock.com
Jean-François Pillou

I nostri contenuti sono creati in collaborazione con esperti di high-tech, sotto la direzione di Jean-François Pillou, fondatore di CCM.net e digital director del Gruppo Figaro. CCM è un sito di high-tech leader a livello internazionale ed è disponibile in 11 lingue.

Scopri di più sul team CCM

L'articolo originale è stato scritto da FeLynX. Tradotto da Claudia Scarciolla. Ultimo aggiornamento 15 maggio 2019 alle 10:37 da Antonello Ciccarello.

Il documento intitolato «L’etichetta "gaming" su hardware PC» dal sito CCM (https://it.ccm.net/) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.
Aggiungi commento

Commenti

Commenta la risposta di utente anonimo