WhatsApp torna truffa buono IKEA

AntonelloCCM - 24 gennaio 2018 - 10:53

WhatsApp torna truffa buono IKEA

Negli ultimi giorni si è diffusa ancora una volta la truffa buono IKEA su WhatsApp, smentita dall’azienda svedese.

(CCM) — WhatsApp è ancora una volta mezzo per truffe e catene di Sant’Antonio. Dopo il recente falso messaggio riguardante un ipotetico ritorno di WhatsApp a pagamento (il servizio è e rimarrà sempre gratuito), negli ultimi giorni è tornata in auge la truffa del buono spesa IKEA su WhatsApp, con conseguente link su cui cliccare per ottenere il fantomatico buono spesa che va dai 75 euro fino ai 900 euro. Com’è possibile immaginare, anche in questo caso si tratta di una bufala a cui non bisogna credere, per evitare di ritrovarsi con grossi problemi, come ad esempio il furto dei dati personali e, spesso, anche della propria carta di credito.



Il metodo utilizzato per la truffa buono IKEA su WhatsApp è sempre lo stesso: la catena di Sant’Antonio. In questo modo il messaggio truffa arriverà da contatti fidati, ignari a loro volta del pericolo a cui si va incontro. Il testo è, come al solito, sgrammaticato (in questo caso "Pensavo che era la solita fregatura e invece l’ho appena preso!"), ma viene accompagnato da un’allettante proposta, ovvero rispondere ad un semplice sondaggio per ritirare il proprio buono spesa IKEA. Altre volte viene mostrato soltanto il link da cliccare, il quale è visibilmente un fake (come ad esempio ikea.com-free-gratuito.com oppure ikea.chebuoni.win). Allettati dall’offerta, gli utenti più sbadati non faranno caso all’improbabile link e cadranno dritti nella truffa buono IKEA su WhatsApp.

A mettere le cose in chiaro e segnalare la propria estraneità a queste iniziative fasulle c’ha pensato la stessa azienda svedese, la quale ha pubblicato un comunicato ufficiale sul proprio sito internet, dichiarando che i messaggi inviati tramite e-mail, Facebook Messenger o WhatsApp, riportanti messaggi con oggetto "Buono spesa IKEA da 150 euro", "Voucher 75€ per anniversario IKEA 75 anni", "Buono spesa IKEA da 500 euro" o "Buono spesa IKEA da 900 euro", non sono inviati da IKEA, ma sono tentativi di truffa. Si ricorda inoltre che, quando si riceve un messaggio di questo tipo (che sia un buono spesa IKEA, Zara, Conad, Decathlon ecc.), spesso si tratta di truffa e la migliore cosa da fare è cancellare subito il messaggio e avvertire il contatto WhatsApp o Facebook che l’ha inviato di cancellarlo a sua volta. Stay tuned.

Foto: © think4photop - Shutterstock.com