CeBIT 2017: il futuro arriva in Germania

CCM International - 22 marzo 2017 - 17:25

CeBIT 2017: il futuro arriva in Germania

Al CeBIT 2017 di Hannover sono state mostrate le novità high-tech di quest’anno. Ecco il tour per immagini di CCM.

Hannover (CCM) — Robot che interagiscono con umani, autobus autonomi, città intelligenti, droni che consegnano pacchi, automobili controllate tramite 5G, sicurezza in cloud: queste e tante altre evoluzioni tecnologiche in esposizione dal 20 al 24 marzo al CeBIT 2017 di Hannover (Germania), la fiera di tecnologia più importante al mondo dedicata alla transizione digitale e che offre una prospettiva delle prossime tendenze tecnologiche.

La trasformazione digitale ad impatto

Sotto il nome di "d!conomy - no limits", l’edizione del 2017 del CeBIT vuole dimostrare come le macchine e gli esseri umani possano interloquire tra loro. "Il tema principale di quest’anno è l’evoluzione delle frontiere tra l’uomo e la macchina", ha dichiarato Oliver Frese, membro del comitato direttivo della Deutsche Messe, il salone dell’esposizione da dove si tiene questo evento che riunisce oltre 3.000 protagonisti della tecnologia, provenienti da più di 70 paesi.

Il Giappone come ospite d’onore al CeBIT 2017

Il Giappone è l'invitato speciale di questa edizione del CeBit. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe (nella foto) ha inaugurato la fiera tecnologica assieme alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Il Giappone è il paese chiave della rivoluzione digitale: un quarto delle prime 100 imprese di tecnologia mondiali, provengono da questo paese e più di 120 imprese giapponesi sono presenti al CeBIT 2017. Tra queste per la prima volta anche la Toyota. Nel suo discorso di presentazione, Angela Merkel ha poi ricordato: "abbiamo un amico in Giappone, ma costui è anche un competitor".

Robot contro umani al CeBit 2017

Una delle rivoluzioni più in vista di questo CeBIT 2017 è quella dell’interazione tra umani e robot, soprattutto quelli di provenienza giapponese. "La società giapponese è molto innovatrice sotto questo aspetto e molto aperta al digital", ha dichiarato Oliver Frese, della Deutsche Messe.

Pepper, il robot con i sentimenti umani conquista il CeBit 2017

La star dei robot del CeBit 2017 è stato Pepper. Lanciato in giugno 2014, è il primo robot social umanoide. Esso è capace di intendere le emozioni e interagire con gli esseri umani e analizza espressioni e toni di voce. Pepper può dare il benvenuto ai clienti o offrire loro informazioni inerenti a determinati prodotti. O anche solo pianificare un evento utilizzando il viva voce. Il robot ridefinirà l’esperienza del servizio clienti e sicuramente rimpiazzerà diversi posti di lavoro attualmente svolti da umani.

B-Human, il robot calciatore

Assistere ad una partita di calcio tra robot? Al CeBIT 2017 è possibile. Il team B-Human, composto da 10 robot prodotti dalla SoftBank Products, è campione mondiale di calcio robotico, la RoboCup, oltre ad essere stato anche campione tedesco e europeo per più di otto anni consecutivi. I robot della squadra B-Human sono stati ideati con codice open source, il che consente ad altri sviluppatori di adoperarlo e migliorarlo.

DuAro, il robot a doppio braccio

Sviluppato da Kwasaki Robotis, DuAro è il robot che può interagire con gli umani. Esso è in grado di utilizzare entrambe le braccia robotizzate, ad esempio, per inserire una pellicola protettiva ad un iPhone, in pochi minuti.

Olli, il trasporto del futuro

Olli è un veicolo elettronico senza conducente sviluppato dalla start-up statunitense Local Motors. Grazie alla tecnologia Watson (intelligenza artificiale) di IBM, è capace di conversare con i passeggeri ed è stato creato in gran parte con la tecnologia 3D.

UNI-CUB, la sedia mobile al CeBit 2017

Honda ha esibito un prototipo di "sedia mobile". SI tratta di UNI-CUB, un dispositivo per la mobilità personale che consente alla persona seduta di spostarsi lungo un’area determinata. A esempio, in un museo, in aereo porto, in biblioteca o al centro commerciale. Basta solo sedersi sul dispositivo e condurlo, muovendo il corpo nella direzione desiderata.

Internet delle cose e città connesse

Huawei mostra nel suo grande padiglione un chiaro esempio dei progressi dell'internet delle cose: un sistema di città intelligente che consente di visualizzare in quali strade c’è più traffico e dove trovare i servizi di emergenza o di trasporto pubblico. L’obiettivo è quello di accelerare il tempo di risposta dei servizi di emergenza e rendere il trasporto pubblico più efficiente.

5G e le auto che comunicano tra loro

L’utilizzo della tecnologia 5G consente una comunicazione più diretta e più rapida tra le auto. Per esempio, questo modello di Audi può "parlare" con altre auto per ottimizzare il flusso del traffico ed evitare pericoli grazie alla tecnologia "See-Trough".

Fotos: © Israel Ayala - CCM.