Facebook connetterà 3 miliardi di dipendenti

apfel9 - 16 ottobre 2015 - 13:38

Facebook connetterà 3 miliardi di dipendenti

Julien Lesaicherre, responsabile di Facebook, ci parla in esclusiva del nuovo servizio social che il team di Zuckerberg ha riservato alle aziende.

"Con Facebook at Work vogliamo connettere 3 miliardi di dipendenti". Con queste parole comincia la nostra intervista al responsabile delle piattaforme mobile per gli sviluppatori di Facebook, che ci svela come l'azienda di Palo Alto stia cercando di adattare il proprio social alle imprese per riuscire a connettere 3 miliardi di dipendenti ed ha già cominciato a sperimentare questo servizio testandolo in una dozzina di organizzazioni.



CCM: In cosa consiste Facebook At Work?

Julien Lesaicherre: L'obiettivo di Facebook è sempre stato quello di connettere il mondo, le persone. Al giorno d'oggi registriamo 1,5 miliardi di membri sul nostro social. Anche noi utilizziamo Facebook, in interno, quasi dall'inizio della creazione della società, per lavorare, comunicare e collaborare. Grazie a questa esperienza, abbiamo capito che un'impresa aperta è anche un'impresa produttiva, più rapida e capace di creare innovazione, prima degli altri. Questo strumento ci ha permesso di conservare la nostra agilità anche quando Facebook è diventato un grande gruppo. Oggi contiamo 10.000 dipendenti. In parallelo, abbiamo preso coscienza che centinaia di migliaia di imprese utilizzano Facebook per lavorare, per l'avvio di start-up, e di grandi gruppi. In questo si rispecchiano centinaia di migliaia di professionisti. Quest'ultimi, utilizzando il gruppo Facebook, possono collaborare o ancora comunicare via Facebook Messenger o WhatsApp. Abbiamo chiesto loro il perché, e ci hanno risposto che sono stati sedotti dalla semplicità e dalla potenza dello strumento, ma anche dalla nostra capacità di essere al top sia sul web che sul mobile. Abbiamo così deciso di commercializzare la nostra strumentazione interna, e questo con un'ambizione: connettere i 3 miliardi di persone, provenienti dal mondo del lavoro, in stile di Facebook.

Da anno nuovo avete cominciato ad aprire Facebook at Work in qualche impresa. Si tratta di un programma beta?

Prima di tutto è bene chiarire che queste imprese hanno accesso allo stesso prodotto, distribuito internamente anche a noi. Il servizio proposto, dunque, risulta essere fruibile e pronto a funzionare. Quindi non si tratta di una versione beta. Fin dall'inizio, il programma di pre-lancio è avvenuto a livello globale. L'obiettivo è quello di raccogliere i feedback dell'imprese di varie dimensioni, provenienti da diversi settori e presenti in aree geografiche diverse. Il programma è stato esteso ad un numero più ampio di attori, a partire dal secondo trimestre. Oggi, centinaia di organizzazioni in Europa sono coinvolte nell'implementazione di Facebook At Work.

Quali sono le principali funzioni di Facebook At Work?

Facebook At Work si fonda su tre pilastri portanti: il primo è il profilo Facebook che permette ai colleghi di connettersi tra loro, funzione che va oltre quella di semplice rubrica aziendale, poiché oltre all'identità del collaboratore, presenta una panoramica dinamica del proprio profilo (la sua attività sulla rete, i gruppi a cui appartiene, le persone che segue ecc.). Il secondo pilastro, forse il più importante, è il gruppo. Aperto totalmente a tutti i dipendenti dell'impresa, oppure, chiuso, dove i "non-membri" hanno accesso solo al suo topic e al nome delle persone che lo compongono. Questo spazio potrà anche essere segreto, ossia visibile ai soli membri. Il gruppo consentirà di gestire progetti, amministrare l'operativo e il supporto. Terzo e ultimo pilastro, le Work Chat propone una messaggistica istantanea con testo, voce o video, con un tasto di una funzione di condivisione dello schermo. Oltre al suo aspetto funzionale, Facebook At Work è mobile first. Disponibile in modalità web, offre la possibilità di creare una URL di tipo "nomedellimpresa.facebook.com". Ma è anche oggetto di di app dedite per Android e iOS. Un altro elemento, che fa la differenza, è il contenuto totalmente indicizzato. E non c'è bisogno di avere un account Facebook, per utilizzare Facebook at Work. Non vi sono ponti con gli account pubblici. Lo strumento è compatibile anche con la rubrica d'impresa LDAP e la directory Active.

E per quanto riguarda la sicurezza di Facebook At Work?

Ogni account dell'impresa è isolato e messo in sicurezza su un'architettura da noi creata e che controlliamo dalla A a Z. Ricordo, che noi costruiamo integralmente i nostri server e le strumentazioni di rete. Inoltre, con Facebook At Work viene consegnata una console per gli amministratori dell'impresa, che possono così aggiungere utenti, gestire i gruppi, ecc.

Qual è la frequenza d'aggiornamento di Facebook At Work?

Lavoriamo con la logica di garantire aggiornamenti funzionali continui. Dalla presentazione del programma di pre-lancio, abbiamo smesso di raccogliere i feedback degli utenti. Ricaviamo i benefici della nostra esperienza, dai cicli corti di dispiegamento ad iterazione rapida. Ad esempio, una volta che una funzione Facebook ci sembra interessante per Facebook At Work, viene passata in produzione. Questo è stato il caso di VOIP su Messenger, o ancora della condivisione dello schermo, che è stato richiesto dagli utenti. Tutte le imprese lavorano, così, indirettamente sul progetto.

Definite Facebook At Work come un social network d'impresa?

No. Non è un social network d'impresa, ma, piuttosto, uno strumento di collaborazione e di produttività. Il social non costituisce che una parte. Facebook At Work è un qualcosa di più ampio, di un social network d'impresa. Include possibilità come le chiamate video e la condivisione dello schermo che non sono presenti nelle utility dei social network d'impresa. Molti dei nostri principali partner che partecipano al nostro programma di pre-lancio, avevano optato per questo tipo di soluzione, ma questi progetti non hanno sempre funzionato bene, e abbiamo potuto registrare dei tassi d'impiego molto bassi. Desideriamo rendere Facebook AT Work, la home del dipendente. Inoltre, il nostro strumento s'interfaccia con altri, tra cui la suite di Office, tramite la Web View o ancora i PDF.


Laureato all'università di Paris Dauphine et HEC, Julien Lesaicherre è responsabile di Facebook At Work per la regione EMEA. Entrato in Facebook nel 2014 come responsabile dello sviluppo della piattaforma mobile Parse EMEA, Julien Lesaicherre era responsabile della piattaforma Azure di Microsoft Francia.

Articolo di Antoine Crochet- Damais, pubblicato in origine su Journal du Net (JDN), sito gemello di CCM.