Apple Watch in balia del tattoo-gate

GiovannaLabati - 30 aprile 2015 - 11:57

Apple Watch in balia del tattoo-gate

Non c'è prodotto Apple che non abbia presentato problemi nelle prime immediate settimane dopo il lancio ed ora è il turno dell'Apple Watch.

La polemica ha già preso vita nel web con il nome di tattoo-gate perché, secondo quanto lamentato da numerosi utenti, lo smartwatch avrebbe problemi di funzionamento se indossato su una porzione di pelle tatuata. Il malfunzionamento riguarda principalmente l'applicazione dedicata allo sport e al rilevamento del battito cardiaco: pare che la pelle tatuata non permetta al sensore di rilevare i dati mandando così in pausa l'app in continuazione.

Un altro problema causato dalla presenza di tatuaggi, è la continua richiesta del pin di sicurezza, come se l'orologio fosse stato sfilato dal polso e poi indossato nuovamente. Da Apple non sono ancora arrivate dichiarazioni in merito, ma alcuni hanno ipotizzato che il problema possa essere causato dal fatto che l'inchiostro dei tatuaggi possa interferire con la fotopletismografia, la tecnologia su cui si basa il sensore dell'Apple Watch.

Ma i problemi non finiscono qui: nei giorni scorsi in rete hanno iniziato a circolare video riguardanti le difficoltà di gestione degli acquisti tramite Apple Watch. In un video viene dimostrato quanto sia facile acquistare un oggetto, nello specifico una XBox 360, senza nemmeno accorgersene.



Ultimo aggiornamento 30 aprile 2015 alle 11:57 da GiovannaLabati.