RapidShare annuncia la chiusura dopo 13 anni di servizio

GiovannaLabati - 11 febbraio 2015 - 14:59

RapidShare annuncia la chiusura dopo 13 anni di servizio

Dopo oltre dieci anni di carriera RapidShare, uno dei più famosi e discussi siti di hosting, chiude con una breve comunicazione in homepage.

"Cari utenti di RapidShare, vi informiamo che RapidShare cesserà le proprie attività il 31 marzo 2015. Raccomandiamo a tutti gli utenti di mettere al sicuro i propri dati - si spiega - Dopo il 31 marzo 2015 tutti gli account non saranno più accessibili e saranno automaticamente cancellati". Non si fa cenno alle cause della chiusura ma è facile supporre che tutto dipenda dalle difficoltà riscontrate negli ultimi anni, costellati di battaglie legali sui diritti d'autore.

Lo stop comporterà la cancellazione di tutti i file gestiti dal 2002 ad oggi e proprio per questo il sito raccomanda agli tutti gli utenti di salvare file, dati e contenuti. Si tratta di milioni e milioni di file che il servizio svizzero ha raccolto e gestito in 13 anni. A RapidShare tocca dunque la stessa sorte subita anni fa da Megaupload, il sito di hosting di proprietà di Kim Dotcom chiuso dalle autorità statunitensi alla fine del 2012.

Esattamente come Megaupload, anche RapidShare non ha mai avuto vita facile ma, nonostante le continue battaglie intentate da servizi concorrenti (ma legali) e dalle autorità, ha saputo crearsi una certa immagine di rispettabilità e "legalità". Da cosa dipenda con certezza la chiusura del servizio non lo sappiamo, ma non è da escludere una strategia di marketing volta alla salvezza prima che giunga il tracollo definitivo del mercato dello sharing.

Foto: © RapidShare.



Ultimo aggiornamento 11 febbraio 2015 alle 14:59 da GiovannaLabati.