WhatsApp, la temuta spunta blu è arrivata e addio privacy

GiovannaLabati il giovedì 6 novembre 2014 alle 12:52:32

WhatsApp, la temuta spunta blu è arrivata e addio privacy

Uno degli aggiornamenti più temuti da tutti gli utilizzatori di smartphone è arrivato: la spunta blu di Whatsapp ha fatto il suo debutto ieri ed il terrore dilaga in fretta.

Se da una parte ci sono utenti che la vedono come una violazione della privacy, dall'altra schiere di adolescenti e fidanzati gelosi gioiscono al pensiero di poter finalmente controllare se il messaggio è stato effettivamente letto. Ma davvero la spunta blu ci faciliterà la vita? Davvero ci sarà utile avere la prova video, con orario preciso, dell'avvenuta lettura di un messaggio? Le previsioni sono nefaste: centinaia di giovani coppie in crisi a causa di risposte non inviate e migliaia di freelance costantemente sotto il controllo di clienti che potranno dire: "ho visto che hai letto il messaggio su WhatsApp in cui ti chiedevo una cosa urgente".

Credo che la maggior parte degli utenti non sentisse davvero il bisogno di un'implementazione di questo tipo, specie gli over 30 che ricordano con nostalgia i bei tempi in cui l'attesa di uno squillo del telefono aumentava il desiderio e teneva vivo l'amore, o quando, semplicemente, ci si poteva prendere il proprio tempo senza il pensiero di dover rispondere per forza. Un modo per salvarsi da questa fastidiosa spunta blu però c'è, ma non risulta particolarmente comodo.

Per evitare che i messaggi vengano contrassegnati come letti e che il mittente possa vedere l'orario dell'avvenuta lettura, è sufficiente leggerli direttamente dalla notifica che ci appare sullo schermo senza entrare nell'applicazione. Ovviamente il discorso non vale se abbiamo eliminato le notifiche su schermo per, ironia della sorte, salvaguardare la nostra privacy. Insomma, la spunta blu non perdona, ma attento WhatsApp, neanche gli utenti scontenti lo fanno.

Foto: © Creative Commons - Flickr: Bhupinder Nayyar.