Android più sicuro con la chiave crittografica

GiovannaLabati - 19 settembre 2014 - 11:54

Android più sicuro con la chiave crittografica

Android punta sulla sicurezza degli utenti e la nuova release si presenta con standard elevati e un sistema di crittografia dei dati.

A rilevare le novità di Android L, l'ultima versione del sistema operativo di Google, è Sundar Pichai che ha insistito su quanto il team di Android si sia concentrato sul miglioramento dell'esperienza d'uso sia per gli utenti consumer che per quelli business. La novità più rilievo riguarda sicuramente il passaggio da manuale ad automatica della funzione "crittografia!, installata già dal 2011 sui dispositivi Android ma fino ad ora utilizzabile soltanto dopo l'attivazione manuale. Con Android L il sistema di crittografia dei dati sarà automatico ed aumenterà in maniera consistente la sicurezza delle informazioni salvate nel dispositivo.

Una sicurezza di questo tipo è definibile quasi totale, poiché per accedere a qualsiasi dato salvato nella memoria interna dello smartphone sarà necessaria una specifica autorizzazione da parte dell'utente proprietario. Vi rubano il telefono e temete una fuga di dati sensibili? La chiave crittografata li renderà inaccessibili, salvo che non li abbiate salvati su un servizio cloud, perché in quel caso nulla si può fare. La vera rivoluzione forse sarà quando finalmente renderanno inaccessibili anche i dati salvati su cloud perché, come abbiamo avuto modo di vedere, quelli sono davvero deboli in termini di sicurezza.

L'uso della crittografia si sta diffondendo molto negli ultimi tempi, infatti la troviamo anche sull'ultimo sistema operativo Apple, l'iOS 8 rilasciato giusto due giorni fa, così come è utilizzata in alcuni servizi di chat e messaggistica istantanea come Tox.

Photo: © Android



Ultimo aggiornamento 19 settembre 2014 alle 11:54 da GiovannaLabati.