Uber risponde allo sciopero con uno sconto del 20%

GiovannaLabati - 11 giugno 2014 - 14:36

Uber risponde allo sciopero con uno sconto del 20%

Non si placa la guerra tra i taxi e Uber, la società di auto con autista contro cui la categoria e l'opinione si scatenano con regolarità.

L'ultima notizia riguarda lo sciopero dei taxi in corso oggi nelle maggiori città italiane, sciopero indetto proprio contro Uber, che da parte sua sembra quasi farsene beffa. Infatti la società di San Francisco, oltre ad essere regolarmente attiva, ha offerto a tutti gli utenti già iscritti e a quelli che ancora non hanno provato il servizio, uno sconto del 20% su tutte le corse odierne. Come a dire che della rivolta dei tassisti non hanno paura anzi, la sfruttano a proprio vantaggio.
Da parte loro i tassisti si sono organizzati con punti informativi ad ogni posteggio in modo da poter sensibilizzare l'opinione pubblica sulla loro battaglia. Tra le cose che più viene contestata a Uber c'è la UberPop, l'applicazione che consente anche agli utenti privati di effettuare trasporti a pagamento.

Per chi ancora non conoscesse Uber, una breve presentazione a questo punto è d'obbligo: la startup è nata quattro anni fa e oggi è attiva in 128 città distribuite in 37 paesi del mondo. Uber è un servizio di taxi on demand basato sulla geolocalizzazione degli smartphone. Scaricando l'apposita applicazione ed essersi iscritti al servizio, basterà un solo click per prenotare un auto con autista a prezzi assolutamente accessibili. Tra le cose più apprezzate di Uber c'è il pagamento obbligato con carta di credito, metodo ancora troppo poco utilizzato dai tassisti italiani che preferiscono da sempre il caro vecchio contante. Chi la spunterà tra i due?

Immagine Al Fed

Ultimo aggiornamento 11 giugno 2014 alle 14:36 da GiovannaLabati.