Google avanza su Ara e coinvolge gli sviluppatori

GiovannaLabati - 11 aprile 2014 - 11:47

Google avanza su Ara e coinvolge gli sviluppatori

Sembra essere finalmente arrivato il momento per Google di lavorare seriamente sul rivoluzionario progetto di smartphone da tempo in cantiere.

Si chiama Ara e potrebbe rappresentare quello che tutti, almeno una volta da quando abbiamo uno smartphone, abbiamo desiderato: un device completamente personalizzabile sia nell'hardware che nella tecnologia perché composto da singoli elementi che assemblati insieme creano svariati modelli di smartphone. Il concetto è così semplice da essere realmente rivoluzionario: Ara sarà composto da un kit di elementi da assemblare, come se fossero dei mattoncini, che comporranno lo smartphone che più corrisponde alle nostre esigenze. Per esempio: un manager impegnato in ufficio 12 ore, non avrà bisogno di una fotocamera dalle prestazioni eccezionali, ma potrà facilmente installarla il venerdì sera, per scattare fotografie in libertà durante il weekend.

Negli ultimi tempi Google ha concentrato molto il suo lavoro su questo progetto, chiamato Project Ara, e nei giorni scorsi ha finalmente rilasciato un Modul Development Kit dedicato a tutti quelli sviluppatori, sia di software che di hardware, che vorranno dare il proprio contributo. Il documento si compone di 81 pagine all'interno delle quali Google fornisce tutte le indicazioni necessarie agli sviluppatori e delimita gli spazi entro cui possono muoversi: dimensione e forma dei moduli, per esempio, che dovranno essere il più possibile uniformati per consentire una più facile produzione. Questi moduli si attaccheranno ad uno scheletro attraverso degli elettromagneti semi permanenti che garantiranno solidità alla struttura. I moduli saranno applicabili sia sulla parte posteriore che su quella frontale, dove chi lo desidera ridurre la dimensione dello schermo per inserire una tastiera. Ara sarà personalizzabile già in fase di acquisto dove si potranno scegliere i moduli più adatti alle nostre esigenze. Certezze su questo nuovo prodotto per ora non ce sono, salvo il sistema operativo, ovviamente Android.

Immagine screenshot video Google