Google dedica il doodle di oggi a Sochi 2014 e difende i diritti di tutti

GiovannaLabati - 7 febbraio 2014 - 15:05

Google dedica il doodle di oggi a Sochi 2014 e difende i diritti di tutti

Le Olimpiadi Invernali di Sochi iniziano oggi, ma le polemiche circolano da tempo in rete e anche Google ha voluto oggi esprimere la sua opinione attraverso un doodle arcobaleno.

"La pratica dello sport è un diritto dell'uomo. Ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito olimpico, che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà e fair-play." Questa la citazione contenuta nella Carta Olimpica e riportata da Google all'interno del doodle di oggi, attraverso il quale Google intende evidenziare la contrapposizione netta tra lo spirito olimpico e le leggi anti-gay varate lo scorso anno in Russia. Come ormai tutti sappiamo, nel 2013 il presidente Putin ha varato una legge che vieta qualsiasi tipo di azione, che sia di fatto o di parola, che possa rimandare al mondo dell'omosessualità.

In Russia è considerato reato parlare in pubblico di omosessualità e i trasgressori vengono puniti con multe che possono arrivare anche a 15.000 euro. Per evitare che si creino situazioni ambigue o che la propaganda gay, come viene definita in Russia, prenda piede, sono stati vietati anche concerti e manifestazioni che in qualche modo potrebbero ospitare o fare riferimenti al tema dell'omosessualità. Google, già scesa parecchie volte in campo per la difesa dei diritti, non è la sola ad aver utilizzato la rete per affermare la propria posizione in merito: in questi giorni sul web sta spopolando uno spot realizzato dal Canadian Institute of Diversity and Inclusion, dove si ironizza sulla presenza di atteggiamenti che potrebbero essere additati come gay anche negli sport più maschili.

Immagine doodle di Google



Ultimo aggiornamento 7 febbraio 2014 alle 15:05 da GiovannaLabati.