Twitter tiene memoria di tutto e ci dice quando siamo stati felici

GiovannaLabati - 6 gennaio 2014 - 11:33

Twitter tiene memoria di tutto e ci dice quando siamo stati felici

Orami è inutile negarlo: le nostre vite passano attraverso i social network. Facebook Twitter e Instagram sono i custodi dei nostri ricordi e delle nostre emozioni e anche i più restii ormai stanno cedendo al loro utilizzo.

Anche Twitter ha fatto un bilancio dell'anno appena concluso analizzando tutti i tweet scambiati nel corso dei 12 mesi per individuare quali siano stati i nostri giorni più felici. Dalla curiosa analisi risulta che il giorno in cui siamo stati più felici è stato il 12 luglio, giorno in cui oltre l'80% dei tweet postati aveva un tono felice. Cosa è successo il 12 luglio 2013?
Malala Yousafzai, giovane ragazza pakistana, tenne alle Nazioni Unite un discorso che commosse il mondo, i figli illegittimi sono stati finalmente riconosciuti come pari ai figli legittimi e sei bambini sono guariti da malattie considerate incurabili grazie all'aiuto di Telethon.
Il mese in cui invece sono state scambiate più emoticon sorridenti, è stato marzo, complice forse l'arrivo della primavera o più l'elezione di Papa Francesco?

I tweet analizzati sono stati 41 milioni, dai quali è emerso che il numero di italiani che nel 2013 ha comunicato i propri sentimenti e le proprie emozioni su Twitter è salito rispetto al 2012: il 60.3% del 2013, contro il 46% del 2012. L'analisi è stata effettuata utilizzando la tecnologia Sentiment Analysis, che unisce l'interpretazione umana e manuale a quella tecnologica per produrre ogni giorno e ogni settimana una classifica della felicità: tale classifica viene corredata di una mappa geografica in cui vengono mostrati i dati di ogni singola regione.
Attraverso questa ed altre analisi statistiche, i social network diventano sempre di più un mezzo di studio dei comportamenti sociali, svelando gusti, preferenze, desideri, dubbi e problemi.

Immagine benjaminasmith