Apple e Google insieme? Forse non è un sogno

GiovannaLabati - 4 novembre 2013 - 13:57

Apple e Google insieme? Forse non è un sogno

Le due leader del mercato di smartphone e tablet potrebbero aprirsi vicendevolmente le porte e lavorare insieme su progetti futuristici: il matrimonio tra Apple e Google potrebbe non essere un sogno.

Ad esprimersi in merito è Steve Wozniak, il co-fondatore di Apple, che già parecchi volte in passato ha apprezzato alcuni prodotti Google, primo fra tutti il sistema operativo Android. Secondo Wozniak le due aziende farebbero bene a lavorare insieme verso un obiettivo più alto invece di farsi la guerra erodendo giorno dopo giorno briciole di mercato di una o dell'altra. La condivisione dei brevetti e il cambiamento della normativa che ne regola la cessione, potrebbero portare grande giovamento al lavoro dei due colossi, i quali potrebbero scambiarsi tecnologie per migliorare i propri prodotti: "sogno un mondo dove si possa concedere un brevetto ad un prezzo più equo. Ci sono buone cose che vedo sugli smartphone Samsung e che desidererei sul mio iPhone. Spero che queste cose Apple le usi e le possa usare, e non so se Samsung potrebbe fermarci", ha dichiarato in un'intervista alla BBC.

Il desiderio è quello di creare più prodotti compatibili tra di loro, device che lavorino in sinergia sfruttando un cloud condiviso. Lo sguardo sognatore di Woz è puntato anche sui dispositivi indossabili: "da circa 3 o 4 anni sto parlando di display organici a LED che teoricamente potrebbero essere impressi su plastica, avvolti e piegati. Potrebbero trovarsi nella parte interna del braccio e, quando ci si clicca sopra, aprirsi nella mano. Voglio capacità da smartphone sul mio polso. Il problema è che più ci penso e più non voglio piccole dimensioni" ha rivelato alla BBC. Una tecnologia per ora immaginabile solo con caratteristiche e proprietà da film di fantascienza e spionaggio, ma non è detto che Apple e Google insieme non riescano a realizzarla.

Immagine Fred Cintra