Facebook, polemiche sul movimento creato da Mark Zuckerberg

MichaelangeloBoccuni - 10 maggio 2013 - 12:08

Facebook, polemiche sul movimento creato da Mark Zuckerberg

Nuove grane per il social network più utilizzato e famoso al mondo, Facebook.

Il mese scorso, infatti, il fondatore Mark Zuckerberg aveva annunciato in pompa magna di voler scendere in politica creando il Fwd.us, un movimento per migliorare le politiche sull'immigrazione, l'incremento dell'istruzione e lo sviluppo degli investimenti nella ricerca scientifica. Gruppo che vedeva nelle sue fila esponenti importanti del mondo dell'imprenditoria dell'high-tech, talmente altisonanti che si era gridato ad un gruppo "ombrello" ed una lobby di superpotenti in grado di manipolare l'opinione pubblica non tanto per avere un'economia globale come tanti si aspettavano quanto per agevolare le assunzioni di nuovi talenti stranieri e le cosiddette fughe dei cervelli.



Naturalmente Mr Facebook ha rimandato le accuse al mittente, ma in questi giorni si è riacceso il dibattito sul suo movimento a causa di due associazioni del gruppo da lui controllato che hanno speso ingenti somme per pubblicizzare progetti alquanto discutibili ed anti-ambientalisti. Tra questi, uno attaccava la riforma sanitaria che sta mettendo in piedi con grande fatica Barack Obama, un altro promuoveva la creazione di un oleodotto di 3.500 km che dovrebbe ergersi tra il Canada ed il Texas, ed un altro ancora le trivellazioni petrolifere nell'Arctic National Wildfile Refuge. Insomma, tutto fuorchè politiche sociali alle quali inneggiava il creatore qualche mese fa. Le polemiche sono scoppiate anche all'interno della comunità imprenditoriale, con Zuckerberg definito "lobbysta" e accusato di barattare diritti sani come l'ambiente e la salute per qualche lavoratore in più sostenendo le Big Oil. La palla a questo punto è ripassata al fondatore del gruppo che dovrà difendersi da queste pesanti accuse che rischiano di mettere in crisi la sua immagine e rovinargli la festa per gli utili trimestrali raggiunti.

Immagine Time