Google Earth : in arrivo la versione made in Iran

AlessiaStrinati - 11 aprile 2013 - 19:21

Google Earth : in arrivo la versione made in Iran

L'Iran starebbe preparando una versione tutta sua di Google Earth per contrastare il servizio di mappatura geografica in 3D del colosso di Mountain View.

Il motivo principale: il governo iraniano considera Google Earth uno strumento di spionaggio al servizio degli Stati Uniti. Per evitare "incursioni" indesiderate nel mondo musulmano è nato Basir ("spettatore" in farsi), definito il "Google Earth Islamico" dal ministro per l'informazione e tecnologia delle comunicazioni in Iran, Mohammad Hassan Nami. Lo strumento dovrebbe essere pronto tra circa quattro mesi.
"In apparenza, Google Earth fornisce un servizio agli utenti, ma in realtà dietro questo prodotto ci sono la sicurezza e le organizzazioni di intelligence, al fine di ottenere informazioni da altri Paesi" ha dichiarato il ministro per precisare il contenuto politico della decisione presa dall'Iran.
In realtà, secondo quanto ha dichiarato al Guardian un esperto che in passato ha lavorato a Basir, quello iraniano sembra essere un progetto costosissimo, lungo e destinato a finire nel nulla.



Proclami e critiche a parte, la censura sul web in Iran non è certo uno scherzo. Sembra ormai lontano il tempo in cui il leader dell'opposizione Mousavi, recluso in casa dopo le proteste dell'Onda Verde, riusciva a comunicare via Twitter con tutti coloro che lo avevano votato. In passato il Paese ha bloccato Google Reader, sostituito YouTube con il sito nazionale Mehr, filtrato Gmail e Google Earth. I siti internet bloccati dall'Iran sarebbero attualmente circa cinque milioni.

Immagine: Google Earth