Iran, Khamenei accusa il governo Usa di sfruttare Internet

Kioskea il martedý 26 gennaio 2010 alle 18:27:31


TEHERAN (Reuters) - Ali Khamenei, guida suprema dell'Iran, ha accusato oggi gli Stati Uniti di utilizzare Internet come strumento per combattere la Repubblica Islamica, dichiarando anche che questo tentativo indica chiaramente la frustrazione di Washington.
La settimana scorsa, il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha invitato Pechino e altri governi di interrompere la censura di Internet.
Il web Ŕ diventato un campo di battaglia durante le agitazioni in Iran dopo le discusse elezioni dello scorso giugno, con le autoritÓ che hanno bloccato l'accesso ad alcuni siti di oppositori e riformisti per evitare il diffondersi di ulteriori proteste.
Funzionari governativi hanno dipinto le proteste dell'opposizione come un tentativo di sovvertimento voluto e supportato da potenze estere.
"Gli americani hanno detto di avere stanziato 45 milioni di dollari per aiutare (i sovvertitori) nello scontro contro la Repubblica Islamica d'Iran facendo leva su Internet", ha detto la televisione di stato riportando le parole di Ayatollah Ali Khamenei.
"Questa decisione Ŕ una prova dell'entitÓ della frustrazione del nemico. Nel passato hanno speso decine di miliardi di dollari (per fronteggiare l'Iran), non ottenendo nessun risultato", ha aggiunto.
Il Senato americano ha adottato in luglio una legge che autorizza una spesa massima di 50 milioni di dollari (36 milioni di euro) per aumentare le trasmissioni in lingua farsi, supportando la diffusione di Internet in Iran.
-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

© 2010 Reuters