Root dispositivi Android

Novembre 2016

In uno smartphone Android sono molti gli elementi personalizzabili, ma non su tutti si hanno i diritti. Per poter divenire un super utilizzatore del sistema e, dunque, avere tutti i diritti, è necessario provvedere a fare un root del proprio telefono. Questo genere di operazioni possono risultare rischiose, poiché se interrotte nel bel mezzo del processo in corso (per esempio perché si scarica la batteria), può rendere inutilizzabile il proprio smartphone.


Nota Bene: Una volta effettuato il root, un super utilizzatore avrà un raggio d'azione così ampio, su qualunque a applicazione o file del telefono, da dover stare davvero attento a quello che si fa. Infine, una volta "rootato" il telefono, questo perderà la garanzia del costruttore, anche se un'operazione inversa sarà possibile per ritrovare la garanzia persa.

Salvataggio dati del cellulare Android

Prima di procedere al root del proprio dispositivo Android, è espressamente consigliato di salvare i propri dati. Molte sono le applicazioni presenti sul Play Store che consentono queste operazioni, tra cui Framaroot APK per Android o Titanium Backup.

Root di Android

Una volta salvati i dati, entrare nella sessione Applicazione (o sicurezza) presente in Impostazioni poi selezionare la casella Risorse sconosciute, poi Sviluppo e poi Opzioni di sviluppo. Da questa scheda cliccare su Usb Debugging e quindi Abilita, per evitare che il telefono vada in standby. Connettere il proprio smartphone al PC e questo, normalmente, lo riconoscerà come interfaccia ADB.

In alternativa l'utilizzo di un programma root può essere interessante. Tra i programmi che supportano un gran numero di mobile: SP Flash Tool, Runme, ecc. Un altro metodo possibile è quello della recovery. Questo è un menu che fa si che il proprio telefono offra differenti opzioni d'amministrazione e che funziona anche quando lo smartphone ha problemi ad avviarsi. Per accedere a questo menu recovery, ripristinare il telefono cliccando sul tasto d'accensione e il tasto di volume, premuti in contemporanea.


Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato « Root dispositivi Android » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.