Come usufruire bene dei motori di ricerca

Novembre 2016


Come usufruire bene dei motori di ricerca

Internet è una motore grandioso che produce una massa di informazioni colossale. Andare alla ricerca delle informazioni che vi interessano può essere noioso, se fatto invano.
Tuttavia, è possibile ottimizzare le proprie ricerche per ottenere dei risultati più precisi.
Se è vero che Google domina il mercato mondiale dei search engines, questa non è l'unica possibilità. Altre soluzioni possono essere più efficaci a seconda di ciò che si desidera.

Scegliere bene un motore di ricerca

  • Oltre ai grandi motori di ricerca generalisti Google, Yahoo, Bing, esiste un gran numero di utility specializzate su alcuni argomenti. Queste utility più precise propongono quandi dei risultati mirati e un'ottimizzazione effettiva.
  • I meta motori possono essere un'ulteriore soluzione. Fanno la ricerca su più motori di ricerca contemporaneamente e, offrono quindi più risultati, traendo vantaggio dai diversi bot. Un esempio: clusty.com, zewol.net o ancora polymeta.com.
  • Per le ricerche specifiche rivolte ad un solo paese, fare le ricerche a partire dal motore dedicato al paese: google.de per la Germania ad esempio.

Come funziona un motore di ricerca?

Conoscere le basi del funzionamento di un motore di ricerca è utile per sfruttarne al meglio le potenzialità. I robot dei motori selezionano e classificano miliardi di pagine Web durante una richiesta. Numerose impostazioni sono dunque prese in considerazione.
  • La presenza dei tag nella pagina: ovviamente è il primo criterio. La classificazione si differenzia secondo la presenza della parole nell'URL, nel titolo della pagina, la sua posizione nella pagina ma anche come si presenta: sottolineata, in grassetto, e la sua ripetizione.
  • Meta tag: stanno nel codice sorgente della pagina, non visibili al contrario del resto del testo nella pagina, creati dai webmaster che mirano a migliorare l'indicizzazione delle loro pagine dai motori di ricerca. Tuttavia, questo metodo è preso meno in considerazione dai bot.
  • La popolarità della pagina: il robot analizza anche il numero di link in entrata e in uscita dalla pagina. Più link puntano alla pagina e più questa sarà vista come popolare da parte dei bot e migliore sarà la sua posizione.


Questi criteri vengono detti in the page, cioè che riguardano il contenuto della pagina. Per perfezionare la classifica, i bot utilizzano ugualmente dei criteri off the page, che prendono in considerazione l'uso, la reazione ed il comportamento degli utenti.

Il bot analizza anche la pertinenza dei risultati che fornisce per una richiesta data calcolando il tempo passato dall'utente sulla pagina proposta dal motore di ricerca ed il suo ritorno o meno indietro verso la pagina dei risultati.

I risultati proposti dai motori di ricerca sono soggetti ad un'equazione che prende in considerazione tutti questi parametri.

Scegliere bene i tag

I motori non sono altro che semplici robot. Non parlano la nostra lingua e non possiedono uno spirito di sintesi. Conviene quindi riflettere bene alle parole chiave da inserire, prima di aggiungere quelle che ci vengono in mente, poiché se la loro correlazione può essere per voi evidentissima, potrebbe non esserlo per i bot.
  • Gerarchizzare i propri tag:
  • Tag «larghi» : sono parole che coprono vasti settori come il commercio, il cinema, arte, musica ... Solo che apportano un grande numero di risposte molto diverse e quindi inefficaci.
  • Tag «profondi» : consentono di specificare la richiesta puntando un campo in particolare di un tag largo. Se ne possono inserire diversi e quindi ottenere dei risultati precisi. Possono essere per esempio date, luoghi, sotto-categorie...
  • Tag«esclusi» : quando si ricerca si può escludere una parola che potrebbe indurre il robot in errore e visualizzare dei risultati non pertinenti. Per questo è sufficiente fare precedere la parola da un segno - (meno).
  • Esempio per una ricerca sui vostri concorrenti:


Tag largo: impresa
Tag profondo : immobile, pittura, Firenze
Tag vietato : artigiano

Si tratta della ricerca di imprese edili, specializzate in pittura, nella provincia di Firenze, escludendo gli artigiani.

La sintassi

Perdere un po' di tempo per selezionare i tag è molto efficace, ma non è sufficiente rispetto al numero possibile di risposte. Abbiamo già visto come escludere una parola da una ricerca ma molte altre opzioni sono disponibili.
  • Forzare a ricercare più parole chiave nella stessa pagina: inserendo più parole chiave nel motore semplicemente separate da uno spazio, il robot fa apparire come risultato le pagine contenenti l'una o l'altra parola. Per chiedere ai robot dei risultati contenenti le due parole è sufficiente farle precedere dal segno + conservando uno spazio tra di esse.


Esempio: per ricercare politica e Italia nella stessa pagina:

+politica +italia
  • Ricercare una frase: se sperate che più parole appaiano in maniera contigua, bisogna mettere tra virgolette l'espressione.


Esempio : per cercare vendita a distanza:

"vendita a distanza"
  • Ricerca complessa: per effettuare una ricerca ben precisa, si possono moltiplicare le indicazioni.


Esempio per cercare un fornitore d'accesso Internet a parte Alice:

"provider di servizi +Internet -Alice

Nuovi motori di ricerca

Dei motori di ricerca, concorrenti di Google, per distinguersi, introducono precisioni, personalizzazione, servizi aggiuntivi,...Eccovi alcuni esempi :

Ask
Dalla home page, si può selezionare un tema secondo le vostre esigenze: ubicazione, immagini, video, blog. Andando avanti nelle ricerche, dei suggerimenti appaiono, tramite due colonne, una a destra l'altra a sisnistra. Registrandovi nel sito potete accedere ad altri servizi: ricerche salvate, parole chiave.
Punto negativo: una grande parte dei risultati sono inserzioni pubblicitarie.

Exalead
I risultati appaiono sotto forma di anteprime in miniature dei siti. A destra, una casella vi permette di precisare la vostra ricerca. Le opzioni sono numerose: specificare il tipo di file, il tipo di sito, il sito host. Punto negativo: i risultati non sono sempre pertinenti.

Yahoo Italia
È il motore più prossimo a Google in termini di ergonomia. I risultati sono numerosi e ben presenti. È possibile personalizzarli selezionando una serie di moduli.
Punto negativo: i risultati non sono sempre pertinenti

Bing
Il motore di ricerca di Microsoft. Lanciato in versione beta, nel giugno 2009, Funziona con il motore semantico Powerset. Tra i servizi di Bing da ricordare: xrank che consente di visualizzare le ricerche più popolari, la sintesi dei contenuti di una pagina.

Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato « Come usufruire bene dei motori di ricerca » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.