Periferiche e stampanti per Windows 7

Novembre 2016

Le periferiche sono tutti quei dispositivi hardware che vengono collegati al PC (come appunto le stampanti o gli scanner). Le periferiche possono essere di input o di output.


Periferiche e stampanti

Cliccare su Start > Dispositivi e Stampanti. Nella finestra apparsa sono raggruppate le icone di tutte le periferiche collegate al computer, sia attraverso un cavo (USB per esempio) sia quelle connesse senza fili (via Bluetooth o Wi-fi, per es.). Sono visualizzati così lo schermo, le stampanti, la tastiera, il mouse, la webcam, la chiavetta usb, il lettore MP3, il telefono, e così via:



Cliccando con il tasto destro sull'icona, compare un menu ricco di differenti possibilità d'interazione con il dispositivo selezionato. Ad esempio cliccando sull'icona di una chiavetta USB, è possibile sfogliare i file, avviare l'AutoPlay, espellere la chiavetta:

fancy

Risoluzione dei problemi

Quando un dispositivo presenta un problema, appare sulla stessa icona un triangolino giallo con punto esclamativo. Per poter risolvere il problema, fare clic destro sulla stessa icona e dal menu visualizzato selezionare Risoluzione del problema. Verrà visualizzata una nuova finestra indicante che Windows cerca di rilevare il problema inerente la propria periferica:



Dopo qualche instante, sarà proposta una prima diagnostica, per esempio, "Il driver non è installato. Installare il driver più recente per la periferica". cliccare su Applicare questa correzione per risolvere il problema o Ignorare questa correzione , se non si ritiene che questa sia la causa del problema. In questo caso Windows cercherà più soluzioni possibili, se non ne troverà, segnalerà nuovamente il problema iniziale. Nel caso in cui si sia cliccato su Applicare questa correzione, Windows cercherà la soluzione appropriata sul proprio disco rigido poi, se opportuno, online.

Altre operazioni di manutenzione ordinaria

Per preservare la potenza e il buon rendimento del proprio pc bisogna provvedere costantemente alla manutenzione di Windows. Questa buona abitudine deve basarsi sulla sorveglianza regolare di certi elementi chiave come il disco rigido e l'aggiornamento dei driver dei dispositivi. Vediamo dettagliatamente cosa è meglio fare.

Valutare le prestazioni del PC

È possibile che alcuni software facciano riferimento al punteggio di valutazione per ottimizzare il proprio funzionamento e per segnalare determinati problemi. Ad es. se un gioco si rifiuta di installarsi può darsi che sia dovuto al fatto che il punteggio corrispondente alle performance grafiche del proprio pc sia insufficiente.


Per conoscere i punteggi attribuiti ai propri componenti, in particolare, e a Windows in generale, aprire il Pannello di controllo e cliccare su Sistema e sicurezza > Sistema > Prestazioni del sistema:



Il risultato ottenuto sarà composto di una cifra tra 1(minimo) e 7.9 (massimo). Gli elementi segnalati saranno quelli del processore, della RAM, del disco rigido e della scheda video, riguardante la qualità di visualizzazione e le sue performance 3D e nei giochi. Il risultato globale Punteggio Base è determinato dal Punteggio parziale più debole. Se si cambia un hardware, cliccare su Riesegui la valutazione in basso a destra per ottenere un risultato aggiornato.

Pulizia del disco rigido

Per poter fare spazio sul disco eliminando i file inutili e comprimendo i file che servono di rado, procedere come segue:


Aprire il Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Strumenti di amministrazione > Libera spazio su disco. Nella finestra che appare, selezionare il disco rigido da ripulire (generalmente si tratta di C:) e cliccare su OK. Dopo la scansione selezionare le voci che si desidera eliminare dall'elenco File da eliminare e cliccare su cliccare su OK.


Verificare gli errori sul disco rigido

Anche se meno frequenti che sulle altre versioni Windows 98 e Windows XP, gli errori del disco esistono ancora e sono dati dalla mal gestione dei file di sistema o della non corretta de-installazione dei software. Questi errori possono essere annunciati da messaggi d'allerta o anche da blocchi improvvisi che mettono a rischio la sicurezza dei dati salvati, eliminandoli.


Per evitare che questi errori si manifestino, Windows possiede un'utility per la verifica del disco chiamata Scandisk. Per poter avviare quest'ultimo, fare doppio clic sull'icona Risorse del computer e cliccare con il tasto destro del mouse sull'icona del disco rigido C: e scegliere Proprietà. Selezionare la scheda Strumenti e cliccare su Esegui Scan Disk..., e selezionare le caselle Correggi automaticamente gli errori del file system e Cerca i settori danneggiati e tenta il ripristino poi Avvia:



Verrà visualizzata una finestra che indicherà che la verifica non può attuarsi se Windows è in funzione. Allora cliccare su Pianifica una verifica del disco, per avviarla al prossimo avvio di Windows.

Nota Bene: questa procedura dura circa più di un ora, e per ragioni di sicurezza non può essere interrotta, si consiglia di ben programmare il momento di avvio della stessa procedura.

Deframmentazione del disco rigido

Con una corretta installazione di Windows i file sono perfettamente sistemati e classificati sul disco rigido. Con il passare del tempo e l'utilizzo del sistema, per meglio dire con l'installazione e la disinstallazione dei software, la creazione ed eliminazione di file, questo ordine può essere alterato. Può anche succedere che il file si frammenti e che questo porta a un rallentamento del PC.


Per correggere questo problema, bisogna effettuare una deframmentazione, un'operazione semplice ed efficace che permette di ottimizzare il disco rigido. Windows 7, deframmenta lui stesso il disco rigido ad intervalli regolari, poiché questa operazione è presente nelle attività pianificate dal sistema. Gli utenti Windows 7 possono modificare operazione eliminandola o scegliendo quando avviare la deframmentazione.

Per fare questo accedere al Pannello di Controllo > Sistema e sicurezza > Strumenti di amministrazione > Deframmenta unità disco rigido. Cliccare su Configura pianificazione... e scegliere le opzioni desiderate confermando con OK. Se si vuole sapere se il disco necessita una deframmentazione, selezionare il Disco rigido > Analizza disco. Se il risultato super il 25%, sarà meglio eseguire la deframmentazione, cliccando su Deframmenta. Generalmente si ignora la deframmentazione se la percentuale è al disotto del 10%:



Aggiornamento dei driver delle periferiche

Un driver è un piccolo programma che permette a Windows di riconoscere una periferica e a questa di funzionare. Ad esempio per una stampante si avrà bisogno di un driver che debba ben gestire gli scambi di informazioni. A volte però anche gli stessi driver possono presentare dei problemi, possono essere stati danneggiati; in questo caso è bene reinstallarlo e aggiornarlo per permette alla periferica di funzionare di nuovo.


Tuttavia anche gli stessi ideatori dei driver pubblicano nuove versioni dei driver per migliorare il funzionamento del dispositivo, correggere i malfunzionamenti o semplicemente per aggiornarsi ai nuovi sistemi operativi. L'aggiornamento di un driver è, dunque, fondamentale per garantire il giusto funzionamento della periferica e dello stesso PC. L'accesso ai drive di periferica avviene attraverso la Gestione Dispositivi:



Per avviare Gestione Dispositivi fare clic destro su Computer > Proprietà. Dalla finestra così apparsa, saranno visualizzate tutte le periferiche presenti sul PC. Cliccando la freccia posta accanto ogni singola icona sarà possibile visualizzare in dettaglio i contenuti di ogni singola periferica. Per poter aggiornare il driver, cliccare proprio su questa freccia, poi con il tasto destro > Aggiornamento software driver:



Nella finestra che appare cliccare su Ricerca automaticamente un driver aggiornato. Windows provvederà alla ricerca di un eventuale aggiornamento, su internet o sul PC. In caso sia disponibile, l'aggiornamento sarà annunciato e installato. Nel caso in cui la periferica non richieda un aggiornamento, verrà visualizzato un messaggio, cliccare Chiudi per uscire dalla finestra. Con Windows 7, gli aggiornamenti automatici del sistema elaborano anche gli aggiornamenti di alcune periferiche. Nel caso in cui siano rilevati degli aggiornamenti, questi sono segnalati nella finestra di Windows Update, sarà l'utente a scegliere se installarli o meno.

Come aumentare la potenza del pc

Se un PC risulta lento, il metodo più utilizzato per poterlo ripristinare è quello di aggiungere più RAM, stando attenti a determinare quale tipo di moduli RAM sia compatibile con il proprio pc e in seguito, provvedere ad installarlo. Per poter evitare un lavoraccio simile, di cui o pochi sono capaci esistono vari altri metodi che portano allo stesso risultato.


A questo proposito Windows 7 propone la funzione Ready Boost, un metodo che consiste di utilizzare la memory flash di una chiavetta USB come RAM sostitutiva. Ready Boost è disponibile a due condizioni: che la chiavetta USB sia rapida, ossia che offra delle prestazioni minimi di 2.5 MB/s in lettura e 1.75 MB/s in scrittura e che abbia una capacità di almeno 256 MB. Per sapere se la propria USB contenga questi due requisiti, dalla finestra che si avvia al momento dell'inserimento della suddetta chiavetta nella porta USB cercate la voce Aumenta la velocità del sistema:



Cliccare sulla questa voce per accedere alle impostazioni di ReadyBoost, selezionare il tasto Utilizza il dispositivo e trascinare il cursore per definire la quantità di memoria della chiavetta da voler utilizzare e confermare con OK.

Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato « Periferiche e stampanti per Windows 7  » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.