Come fare una relazione finale di stage/tirocinio

Novembre 2016

La relazione finale di stage/tirocinio è un documento personalizzato che rende conto della propria esperienza in azienda. Lo stage/tirocinio formativo è un'esperienza decisiva nel percorso formativo di chiunque, tant'è vero che è considerata dagli esaminatori una tappa essenziale. La propria relazione dovrà riportare quello che si è appreso (conoscenze e "savoir-faire") nel periodo dedito a questa attività.

Ecco qui una guida semplice ed efficace che vi permetterà di organizzare le idee e scrivere una relazione di stage/tirocinio completo ed efficace:


Compilazione del "diario di bordo" durante lo stage/tirocinio

Avere un diario di bordo durante lo stage permette di appuntare tutte le attività che si realizzano nell'ambito aziendale ed è un ottimo supporto per quando si andrà a stilare la relazione finale.

La giusta lunghezza della relazione si aggira in media intorno ad una trentina di pagine. Per uno stage breve (che va dai 15 giorni al mese) quindici pagine possono essere più che sufficienti. La lunghezza varia anche in base all'azienda in cui si presta servizio (si può arrivare anche a scrivere dalle 30 alle 80 pagine). Normalmente questa informazione è data all'inizio dello stage/tirocinio, in caso contrario è bene essere informati.

Redigere una relazione di stage/tirocinio: facsimile

Non esistono dei veri e propri modelli di redazione di una relazione di stage, ma è possibile tener conto di alcuni standard, linee guida fondamentali come: la copertina, contenente il proprio nome e cognome, il titolo del posto occupato (e il tipo di contratto), le date di fine/inizio dello stage/tirocinio, il nome dell'azienda ed eventualmente anche il suo logo, l'indirizzo del luogo in cui è avvenuta la formazione, il nome del vostro tutor, un planning dettagliato contenente dalle due alle tre sezioni (o capitoli se così si vuol dire) divisi in paragrafi numerati (1 > 1.1 > 1.2, ecc.), introduzione e conclusione. Ad esempio:

Introduzione, ambito dello stage/tirocinio;

Sommario, numerazione delle parti, sezioni, paragrafi al fine di ottenere una buona visibilità e di avere una prima impressione del lavoro svolto;

Descrizione dell'azienda, il suo settore di attività, i servizi offerti, il confronto con la concorrenza, l'organizzazione interna, ecc. Per esempio: se si è svolto uno stage/tirocinio nel campo delle risorse umane è bene focalizzarsi in maniera dettagliata sull'organizzazione interna;

Descrizione dell'attività svolta, mansioni, strumenti a disposizione, apporto del proprio lavoro in seno all'impresa, savoir-faire acquisito e così via;

Conclusioni, contestualizzare questo stage/tirocinio nel quadro generale della propria formazione facendo la sintesi delle nuove competenze acquisite. È bene esaltare i valori aggiuntivi dello stage/tirocinio nella propria formazione;

Elementi facoltativi, allegati (grafici, tabelle), glossario di tecnicismi utilizzati (a volte segnalai all'inizio della relazione, secondo le proprie esigenze), bibliografia (libri, articoli menzionati).

Stile di redazione e impaginazione

Lo stile di redazione deve includere frasi brevi e semplici, aggiungere elementi critici per argomentare la propria esperienza (a volte la rubrica suggerimenti è d'obbligo). Riguardo all'impaginazione, utilizzare un solo tipo di carattere (Times New Roman 12 o Arial 11) con i titoli delle sezioni in grassetto e grandi (per es. Arial- 16), mentre i titoli dei differenti paragrafi in una dimensione intermedia (per es. Arial 13). Occhio all'interlinea, uno spazio d'interlinea di 1,5 punti è sufficiente, ma dipende sempre dall'esigenza e dal centro di formazione (meglio chiedere prima).

Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato «  Come fare una relazione finale di stage/tirocinio » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.