Portare un dispositivo mobile all'estero per lavoro: consigli pratici e sicurezza

Marzo 2017

In alcune situazioni, un professionista può trovarsi a dover viaggiare all'estero con un laptop o un tablet, che facilitano il lavoro in trasferta. Molte applicazioni rendono disponibili i dati dell'azienda anche a distanza. Ma questa facilità può portare a questioni di sicurezza. Per evitare il furto di dati e proteggere la privacy dell'azienda, bisogna osservare alcune regole, automatismi da adottare anche prima di partire.


Prevedere una trasferta lavorativa all'estero

Che supporti mobile preferire

Molti device mobile permettono un accesso a dati specifici (mail lavorative, agenda, progetti, ecc.). Computer portatile, tablet o anche uno smartphone hanno comunque dei pro e dei contro. Per scegliere il supporto più adatto, bisogna tenere conto delle condizioni di viaggio, capire i bisogni che si hanno e informarsi sulle condizioni di lavoro del posto:


Smartphone, accesso a mail, documenti condivisi, app cloud, una comunicazione visiva (ad esempio Skype).

Tablet, stesso accesso di uno smartphone, ma con comodità visiva più importante.

Laptop, tutti gli strumenti collaborativi e di comunicazione, buon confort di lavoro, ma più ingombrante.

Ricarica e connettività

Assicurarsi che gli apparecchi funzionino bene prima di partire. Verificare la connettività e le batterie. In alcuni paesi può essere necessario munirsi di un adattatore per ricaricare gli apparecchi elettrici. È il caso di USA, Gran Bretagna, Australia, ecc.

Attenzione, è consigliato ricaricare il laptop, tablet o smartphone prima di prendere un aereo se si è diretti negli Stati Uniti, c'è rischio di farseli sequestrare: leggi questo articolo per saperne di più.

Nota Bene: smartphone e tablet possono essere ricaricati da un PC tramite un cavo USB.

Installare i programmi giusti per lavorare a distanza

Molte applicazioni sono ottime per il lavoro collaborativo a distanza e facilitano l'accesso ai dati. È consigliato installarli e testarli prima di una trasferta. Scegliere applicazioni che possono facilmente essere usate dai collaboratori da un computer desktop. È il caso di Skype, uno strumento per videoconferenze compatibile con tutti i supporti. L'uso di questo programma permette di limitare le spese di roaming all'estero.

Connettersi all'estero

Proteggere l'accesso alle periferiche mobile

Smartphone e tablet possono essere l'obiettivo di hacker. Sono in genere meno protetti dei laptop, e possono contenere dati riservati e importanti. La sicurezza delle connessioni WiFi per prima cosa (leggi sotto), ma anche la protezione della periferica con una password sicura sono essenziali. La sicurezza sta anche nell'essere vigili: attenzione a non scaricare un'applicazione sconosciuta e ai tentativi di phishing via SMS. In una periferica mobile, i dati possono anche essere cifrati. Ci sono applicazioni dedicate alla crittografia e alla protezione dati su iOS, Android, Windows Phone e Blackberry:


Applicazioni di sicurezza e crittografia;

Scegliere, gestire e rendere sicure le password.

Connessioni WiFi sicure

Quando ci connettiamo tramite wifi con un dispositivo mobile siamo più sensibili alla pirateria. È quindi essenziale rendere sicure le connessioni WiFi, a maggior ragione se la periferica contiene dati confidenziali o sensibili per l'azienda.


Assicurarsi di avere un firewall, può fermare tentativi di intrusione;

Verificare l'autenticità e l'affidabilità della connessione WiFi;

Bloccare la possibilità di una connessione "client-client", vale a dire da un'altra periferica mobile direttamente sulla propria;

Se possibile evitare di connettersi ad un hotspot o ad un punto di accesso aperto, proposto ad esempio da un ristorante o un café : sono pratici, ma molto poco sicuri;

Nel caso si usi un tablet o uno smartphone in WiFi, è ugualmente consigliato di assicurarsi dell'affidabilità della rete. Sconnettere il wifi da qualsiasi apparecchio appena non è più utile.

Rendere i dati aziendali sicuri

Proteggere i dati sensibili

I dati più sensibili o confidenziali dell'azienda devono essere particolarmente protetti all'estero. Proteggere l'accesso a tutti i dispositivi mobile con una password. Se necessario, installare un software che permette di disattivare l'apparecchio a distanza in caso di furto, o di cancellare tutti i dati, ad esempio Cerberus Antifurto e Android Device Manager per apparecchi Android.

Disattivare la condivisione di contatti e file su computer portatile, per evitare una connessione di un terzo tramite WiFi. Disattivare il bluetooth e il wifi quando non vengono utilizzati. È anche possibile criptare i dati trasmessi da un computer, utilizzando il tunnel VPN proposti su alcuni OS.

Bloccare gli accessi al cloud

L'archiviazione di documenti online permette un accesso più facile a tutti i dati dell'azienda. Ma l'utilizzo del cloud deve essere accompagnato da una sicurezza rinforzata, ad esempio con convalida tramite codice di sicurezza SMS. Optare per il trasferimento dati criptati e assicurarsi che l'accesso al cloud possa essere bloccato in remoto, in caso di furto della periferica mobile.

Potrebbe anche interessarti

Pubblicato da Casamarce.
Il documento intitolato «Portare un dispositivo mobile all'estero per lavoro: consigli pratici e sicurezza» dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.