Chiedi aiuto »

Apple da record: 40 miliardi di applicazioni scaricate dall'AppStore

Luglio 2015

Apple ed il suo AppStore iniziano il 2013 sotto i migliori auspici. Il bilancio del 2012 reso noto dall'azienda di Cupertino con un comunicato ufficiale, è da capogiro: 40 miliardi di applicazioni scaricate dallo store online, la metà delle quali solo nell'ultimo anno.

Gli account attivi dell'AppStore ammontano a 500 milioni, le applicazioni sviluppate per iPhone iPad e iPod touch sono 775 mila. Numeri incredibili che hanno infranto il record di click della società creata da Steve Jobs proprio nello scorso mese di dicembre, registrando oltre due miliardi di download grazie anche alle festività natalizie. L'utile netto per l'azienda di Cupertino cresce da 6,6 miliardi a 8,2 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2011. Tra le applicazioni più scaricate dallo store online troviamo Temple Run, Instagram, Facebook, YouTube, Twitter e Find My iPhone. Quelle più redditizie sono state DragonVale e Clash of Clans, che insieme hanno superato i 100 milioni di dollari d'incasso.

Un risultato importante che mostra l'immenso traffico sul negozio online di Apple, ma non dissolve tutti i dubbi sul futuro della società americana. Secondo uno studio realizzato da App Promo, infatti, il 59 % delle applicazioni proposte non genererebbe ricavi sufficienti per pareggiare i costi di sviluppo, visto che moltissimi utenti scaricano le applicazioni per poi non utilizzarle mai. Un dato che si aggiunge a un altro risultato record del concorrente diretto di Apple, Samsung, che nell'ultimo trimestre dell'anno ha venduto 62 milioni di smartphone contro i 45 milioni dell'azienda americana.
Per poter consultare questo documento offline, ne potete scaricare gratuitamente una versione in formato PDF:
Apple-da-record-40-miliardi-di-applicazioni-scaricate-dall-appstore.pdf

Vedi anche

Nella stessa categoria

Pubblicato da editplace.
Il documento intitolato « Apple da record: 40 miliardi di applicazioni scaricate dall'AppStore » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.