PowerPivot di Excel: cos'è e come attivarlo

Agosto 2017

PowerPivot è un’estensione di Excel 2010 (disponibile anche per la nuova versione del programma Excel 2016) che permette di analizzare e creare modelli di tabelle complessi piene di dati. Ecco come velocizzare il proprio lavoro su Excel utilizzando questo add-in integrato.


Cos’è PowerPivot Excel

Integrato già dalla versione di Excel 2010, PowerPivot è stato ed è ancora uno strumento gratuito utile per chi lavora con tabelle di calcolo. Non diverso dalla struttura tipica tabellare di Excel, PowerPivot permette di avere a che fare con un ampio insieme di dati complessi che con questo tool vengono gestiti facilmente e in modo affidabile. Grazie a questo programma integrato sarà possibile creare diagrammi e grafici in SQL o documenti d’accesso, senza dover installare e utilizzare ulteriori programmi, oltre Excel.


L’interfaccia è la stessa e ogni qualvolta verrà salvato un dato su PowerPivot, esso sarà visibile anche su Excel e viceversa. La differenza tra i due servizi consta nella complessità dei dati elaborati da Pivot se comparato a Excel. Inoltre, mentre tutti gli strumenti di interazione con i dati sono forniti da Excel, PowerPivot permette di supportare fino a 4 GB di dati in memoria.

Cosa offre PowerPivot rispetto ad Excel

PowerPivot permette di filtrare i dati, rinominando le colonne e le tabelle nella fase di importazione. Ogni tabella è organizzata in schede, che non possono essere modificate nelle loro singole celle (trattasi per di più di un blocco di dati). Risulta possibile però creare relazioni tra le tabelle, scrivere formule avanzate in linguaggio DAXe definire le varie gerarchie in zone della cartella.

Con PowerPivot è inoltre possibile creare indicatori di prestazioni KPI e prospettive limitate ad un dato numero di colonne e tabelle interne ad ogni cartella di lavoro. PowerPivot offre l’opportunità di ottimizzare un modello di dati preesistente, con immagini valori, campi univoci e predefiniti anche se non usa VBA nella finestra di visualizzazione. Infine, PowerPivot permette la condivisione delle cartelle con altri utenti tramite SharePoint abilitato su Excel Service.

Da dove scaricare PowerPivot

Per Excel 2010, come già accennato, PowerPivot non era incluso nel pacchetto Office ma era offerto come estensione a parte scaricabile sul sito ufficiale di Microsoft. Ora con l’upgrade di Excel alla versione Excel 2013 e Excel 2016 PowerPivot è disponibile, come strumento integrato, nei prodotti Office 365 Pro Plus ed Enterprise E3 e E5 e con licenzia unica, previa sottoscrizione di un abbonamento su Office Professional 2016, Office 2013 Plus, Excel 2013/2016 autonomo.

Altre versioni Office quali 365 Home, Education, Personal, Business, Business Essentials, Premium Enterprise E1, Office per Mac, Office per Android, versioni precedenti a Office 2013 ecc. non includono PowerPivot, neanche come prodotto in abbonamento.

Per scoprire quali versioni Office sono supportate e come procedere ad utilizzare questo programma si rimanda al sito ufficiale del supporto di Microsoft Office.

Come avviare PowerPivot

Una volta accertatisi che PowerPivot sia compatibile e presente sulla propria versione Office si dovrà procedere ad attivarlo. Per farlo basterà entrare nel programma Excel e cliccare su File, poi Opzioni e Componenti aggiuntivi:



Nella parte sottostante la finestra aperta cliccare sul menu a tendina Gestisci e scegliere l’opzione Componenti aggiuntivi COM, poi cliccare Vai e nella schermata visualizzata spuntare la casella inerente a PowerPivot for Excel. Cliccare OK per salvare la modifica e procedere aprendo una finestra PowerPivot: cliccare su PowerPivot e poi Gestisci:



Da qui sarà possibile importare i dati che si vogliono gestire, quali tabelle, calcoli, espressioni, grafici. Se la barra degli strumenti PowerPivot scompare, ritornare sul menu Componenti aggiuntivi in precedenza aperto e qui da Gestisci cliccare su Elementi disattivati, e selezionare ancora una volta Microsoft Office PowerPivot.

Se non dovesse funzionare è necessario chiudere Excel e aprire l’editor del Registro e qui ricercare la chiave HKEY_CURRENT_USER > Software > Microsoft > Office > 15.0 > Impostazioni utente, per Excel 2013 oppure HKEY_CURRENT_USER > Software > Microsoft > Office > 16.0 > Impostazioni utente per la nuova versione Excel 2016. Poi con il tasto destro del mouse cliccare su PowerPivotExcelAddin e selezionare Elimina.

Fatto questo bisognerà modificare la chiave HKEY_CURRENT_USER > Addins ed eliminare PowerPivotExcelClientAddIn.NativeEntry.1 facendo clic destro con il mouse sulla stessa chiave. Al termine chiudere l’editor e ritornare su Excel riabilitando ancora una volta PowerPivot. Se dovessero risultare altri problemi inerenti all’attivazione o al funzionamento di PowerPivot per Excel, contattaci sul forum CCM.

Foto: © LINE_ICONS - Shutterstock.com

Potrebbe anche interessarti

Pubblicato da e-claudia. Ultimo aggiornamento 21 luglio 2017 alle 11:06 da AntonelloCCM.
Il documento intitolato «PowerPivot di Excel: cos'è e come attivarlo» dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.