Come sviluppare app connesse alla sanità affidabili e sicure

Aprile 2017

Le app health e gli oggetti ad esse connesse stanno via via prendendo il volo, integrandosi sempre più, con la pratica medica. Per rispondere a questa esigenza cruciale, esistono delle prassi e indicazioni regolamentari utili per sviluppatori ed editor.


Salute connessa: definizione ed utilizzo

L’espressione salute connessa ingloba in sé tutte le app mobili e gli oggetti di riferimento medico. Sono molte in rete le app salute connessa costituiscono un dominio digitale prolifico. Queste app hanno il potenziale di avere diversi utilizzi in materia di salute e benessere, dal semplice monitoraggio sportivo alla diagnosi medica, passando per i vari tipi di trattamento possibili: misuratore del battito del cuore, monitoraggio del sonno, monitoraggio del peso e della dieta, assunzioni farmacologiche e richiami, conoscenze mediche di base, ecc.

Pubblico target

Questo tipo di app è indirizzato a diversi tipi di pubblico: quello sportivo, i malati, i professionisti e il grande pubblico, che in generale tende ad informarsi in campo sanitario, sui vari aspetti che lo compongono.

Sicurezza delle app sanitarie: i rischi

Affidabilità delle informazioni a carattere medico

Il campo sanitario, medico, non lascia spazio ad alcun tipo di approssimazione, onde evitare di incorrere in rischi erronei di diagnosi o di trattamenti inadatti. Le informazioni di questo tipo devono, infatti, essere affidabili e veritiere, meglio se verificate da un professionista o da autorità competenti.

Raccolta dati personali

Un rischio comune a molte app è quello di gestire e riunire dati personali spesso non giustificati, che possono mirare al mantenimento della privacy di chi ne fa uso. A tal ragione, è sempre meglio raccogliere dati personali giustificando il fatto, e beneficiando di importanti sistemi di sicurezza.

Relazione medico-paziente

Con le nuove tecnologie, la sanità connessa si integra largamente con la pratica medica, nelle relazioni tra professionisti e i loro pazienti. Alcuni medici possono raccomandare l’uso di app in aggiunta alle consultazioni e/o per uso quotidiano.

La buona prassi

Criteri da rispettare per sviluppare un app

Prendendo spunto dal referenziale francese delle 101 pratiche redatto dall’HAS da tenere conto, se si vuole sviluppare un’app sanitaria, ecco alcuni punti salienti da tenere presente per creare e migliorare app e oggetti ad essa correlati di buona qualità. Alcuni i criteri messi in evidenza, quali affidabilità e qualità delle informazioni date, interpretazione e conferma da parte di un professionista identificabile; performance tecniche dell’app, precisione delle misure e assenza di effetti secondari indesiderabili; sicurezza e fiducia, cifre, pseudonimi; facilità d’utilizzo, ergonomia, adatta anche a persone affette da handicap, o che necessitano di assistenza.

Livello di esigenza

Esso non risulta essere lo stesso per tutte le app sanitarie. Sempre riprendendo il referenziale, le esigenze devono essere conformi a tre livelli di classifica: debole, moderato ed elevato, determinato dalla finalità dell’app, informazione, prevenzione, analisi dei dati precisi, ecc.; e target del pubblico, grande pubblico, pazienti, professionisti, ecc. Per ogni app la prassi da applicare può risultare da consigliare da raccomandare o obbligatoria.

Statuto del dispositivo medico

Tutte le app non beneficiano dello statuto del dispositivo medico. Al senso è bene informarsi a livello territoriale per come fare a verificare la conformità del proprio software, affinché gli editori possano risultare essere conformi a rilasciare diagnosi, o aiuto diagnostico, trattamenti, ecc.

Foto: © MSF - Shutterstock.com

Potrebbe anche interessarti

L'articolo originale è stato scritto da . Tradotto da e-claudia. Ultimo aggiornamento 20 dicembre 2016 alle 16:53 da AntonelloCCM.
Il documento intitolato «Come sviluppare app connesse alla sanità affidabili e sicure» dal sito CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.