Guida all'acquisto processori 2016

Dicembre 2016

Il processore è più che mai il cervello del PC, poiché anche funzioni precedentemente assegnate alla scheda madre gli sono state finalmente restituite, è diventato il fulcro della configurazione di un computer, fatta eccezione per l’animazione grafica, gestita principalmente dalla scheda grafica. Per queste ragioni è bene associargli una quantità di memoria RAM adatta al suo utilizzo.

In questa guida verranno illustrati solo modelli di unità centrali fisse, mentre i componenti mobili per laptop non sono paragonabili a causa dei diversi vincoli ad essi associati. Per ogni buona guida all'acquisto che si rispetti, i processori sono classificati secondo criteri di costo e soprattutto in base all'utilizzo che se ne fa del PC. Tra le parentesi, sotto riportate, è indicato anche il tipo di socket (di cui il processore ha bisogno per essere inserito nella scheda madre, informazione utile per poter disporre del modello più recente.



Processori a meno di 70 euro

Non c’è dubbio, anche i processori “a buon prezzo” non sono male e sono semplicemente adatti a un utilizzo leggero come quello d’ufficio, per la navigazione o la creazione online e la programmazione e infografica leggera, come anche il fotoritocco. Per questo genere di operazioni l’installazione del sistema e delle sue applicazioni su una SSD al posto di un normale disco rigido risulta più conveniente di un investimento più alto per questo componente. Ideale associarvi una RAM da 4 GB di DDR3 o DDR4. Intel propone un semplice Celeron G(1151), capace di assicurare tutto il lavoro in maniera soddisfacente, mentre per la concorrenza, gli equivalenti AMD A4 e A6 (FM2+) possono essere meno performanti o più costosi, a seconda del modello che integra un chip grafico con driver in grado di eseguire videogiochi con grafica modesta a bassa risoluzione, cosa non valida per i chip HD Graphics integrati a modelli Intel.

In realtà non si raccomanda mai questo tipo di processori per giocare o per eseguire software che hanno una potenza di calcolo importante. I processori Athlon X2 (FM2+) sono dei A4/A6 senza chip grafico sufficiente, se si recupera la scheda grafica PCI-Express dalla vecchia configurazione. Per chi ha in mente di assemblare un mini PC low cost si consiglia Celeron J saldato su alcune schede madri mini o ITX o i Sempron/Athlon (AM1) concorrenti. Ovviamente, questi sono riservati per un utilizzo leggero, poiché un sistema ingombrante o l’uso simultaneo di più programmi possono metterli rapidamente in difficoltà a causa delle loro funzionalità ridotte.

Processori da 70 a 120 euro

Basandosi su un tranche tariffario di questo livello ci si può aprire al multimediale. Un Pentium G (1151) può offrire delle performance interessanti in alcuni videogiochi, se associato a carte grafiche di un certo tipo, e soprattutto di un certo costo. Purtroppo alcuni blockbuster recenti hanno messo da parte i processori dual-core, per mancanza di ottimizzazione.

Anche in questo caso, i modelli AMD A8 e A10 (FM2 +) sono , a volte, meno performanti, ma più costosi rispetto ad altri modelli presentati, ma dispongono di un chip grafico giusto, a condizione di giocare a bassa risoluzione e a dei giochi poco esigenti. Gli Athlon X4 (FM2+) sono i loro equivalenti senza chip grafico integrato che fanno da concorrenti diretti ai Pentium della Intel. Attenzione alle trappole commerciali e di marketing che promuovono questi processori come quad core, anche se si tratta, semplicemente, di core virtuali. Tuttavia, è bene segnalare che la maggior parte dei processori AMD sono overclockablili, al contrario dei concorrenti, il che consente loro di guadagnare in performance leggere con un sistema di raffreddamento adatto.

Processori da 120 a 180 euro

Il fatto di essere solo dual core e di avere un prezzo superiore a 100 euro fa sì che il processore Core i3 (1151) sia generalmente evitato. Ma in realtà è più potente di quanto si pensi, poiché grazie all'hyper-threading può attivare altri due core virtuali, altrettanto efficaci, tanto da rendere una performance equivalente ad un Core i5, in alcuni videogiochi sensibili a queste caratteristiche. Generalmente gli si associa una scheda grafica che si aggira attorno ai 200 euro e due RAM da 4 GB, ciascuna per creare una configurazione di fascia media per giocatori.

I processori AMD FX (AM3+) sono dei processori che ancora tardano ad essere rimpiazzati. Anche se hanno ancora buoni lasciti per il funzionamento di software professionali, dato che sfruttano a meraviglia la tecnologia multi cores, sono chiaramente indietro rispetto alle app videogiochi e spesso superati dai Core i3 recenti. Ancora, una trappola marketing inciterà a pensare che questi dispongono di otto core quando in verità, per metà, si tratta di core virtuali.

Processori di fascia alta da 200 a 300 euro

Ecco che il processore Core i5 (1150 o 1151) è molto versatile e confortevole, per la maggior parte dei suoi utilizzi. Ideale per i giocatori poiché è capace di supportare una qualunque scheda grafica di alta gamma e può essere considerato come una soluzione futura, visto il ritmo di progressione lento di questo genere associato a questi componenti. Si tratta di un vero processore quad core, il massimo che un videogioco è attualmente in grado di sfruttare. La versione K, che permette l’overclocking, è prima di tutto un argomento marketing che offre un margine di manovra sempre più limitato, che va di generazione in generazione.

Gli AMD FX 9370 e FX 9590 (AM3+) simboleggiano una mossa disperata da parte di AMD, incapace di concorrere con Intel nella fascia alta. Hanno delle caratteristiche fuori norma, potenziate in assurdo, che generano dei consumi elettrici irragionevoli e che richiedono un sistema di raffreddamento molto efficiente. In più tutte le schede madri socket AM3+ non sono capaci di supportare questa aberrazione tecnica. Allo stesso modo il livello di performance atteso risulta, in fin dei conti, molto discutibile.

Processori alta gamma

Tra questa sezione si possono annoverare i processori con costo oltre i 300 euro. Tra questi il Core i7 (1150 o 1151) è un processore quad core capace di simulare altri quattro core virtuali grazie all'hyper-threading. Perfetto per la configurazione ottimale di videogiochi e per app professionali pesanti. Per i soli video giochi il Core i5 è più indicato. Per applicativi/infografica pesante o se si desidera fare del proprio PC un server, si avrà bisogno di una potenza di calcolo importante di un Core i7 o Xeon (2011-3) e di una RAM altrettanto importate (di almeno 32 GB). Le peculiarità “elitarie” inerenti a questi processori non consentono, comunque, di trarne molto profitto per quanto riguarda i giochi, perché, proprio in questo ambito, questi processori hanno spesso e volentieri un ritardo generazionale.

Potrebbe anche interessarti :
Il documento intitolato « Guida all'acquisto processori 2016 » da CCM (it.ccm.net) è reso disponibile sotto i termini della licenza Creative Commons. È possibile copiare, modificare delle copie di questa pagina, nelle condizioni previste dalla licenza, finché questa nota appaia chiaramente.